Oceani, multinazionali e ricavi. Documentario integrato.

I governi hanno sempre più focalizzato la loro attenzione sulle attività economiche in qualche modo legate all’oceano, identificandole come un segmento distinto spesso etichettato come “economia oceanica” nei conti nazionali. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha definito l’economia oceanica come la somma delle attività economiche delle industrie oceaniche e dei beni, dei beni e dei servizi degli ecosistemi marini e ha presentato il concetto come una lente attraverso cui visualizzare le diverse industrie che condividono l’oceano. Alcuni studiosi, professionisti e decisori politici hanno usato il termine “economia blu” come sinonimo, per incapsulare l’interesse internazionale per lo sviluppo economico basato sull’oceano, mentre altri hanno notato una gamma più ampia di definizioni, che ha portato a una terminologia contestata al centro del mondo discorso.Si prevede che l’economia oceanica crescerà più rapidamente dell’economia globale dal 2010 al 2030, contribuendo alle aspirazioni diffuse di un’era senza precedenti di crescita blu, in particolare tra gli stati costieri e insulari. La prospettiva di tale crescita ha sollevato preoccupazioni circa l’industrializzazione degli oceani e la successiva trasformazione degli ecosistemi marini, l’ulteriore privatizzazione delle risorse oceaniche concettualizzate come beni pubblici in molti stati e la distribuzione iniqua dei benefici derivanti dall’uso degli oceani (in particolare per gli utenti tradizionali). Considerare l’oceano come un motore per la futura crescita economica può entrare in conflitto con la dimensione sociale e ambientale degli obiettivi per un uso sostenibile degli oceani concordati nel corso dei decenni negli impegni e nei trattati internazionali (ad esempio, la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, l’Agenda 21 della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo del 1992 e l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile). Ad esempio, il progresso globale è in ritardo per il raggiungimento dell’Obiettivo di sviluppo sostenibile 14 (SDG 14 — “La vita sotto l’acqua”) e gli obiettivi associati per ridurre la pesca eccessiva e l’inquinamento, affrontare l’acidificazione degli oceani e garantire l’accesso alla pesca su piccola scala, tra gli altri. Si prevede inoltre che i lenti progressi nella conservazione degli oceani e nell’uso sostenibile avranno implicazioni dannose per il raggiungimento di altri obiettivi politici internazionali, come porre fine alla povertà e alla fame.

Annunci

Le industrie sono sempre più caratterizzate da portata e complessità globali, con grandi multinazionali che operano attraverso catene di approvvigionamento estese ed esercitano una capacità unica di capitalizzare e monopolizzare i mercati. Questo numero relativamente piccolo di aziende mondiali è stato paragonato a specie chiave di volta in un ecosistema e concettualizzato nell’era dell’Antropocene come “attori chiave di volta” che funzionano all’interno di una biosfera interconnessa o in alternativa indicato come “aziende chiave di volta” dal mondo Benchmarking Alliance per illustrare la loro importanza per il raggiungimento degli SDGs.

Conseguenze catastrofiche anche per l’ambiente Marino.

A causa delle loro dimensioni e del loro potere sproporzionati, queste multinazionali possono generare grandi esternalità ambientali e sociali che rallentano i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità. Possono anche avere strategie operative in contrasto con i principi dell’uso sostenibile degli oceani e potrebbero non riuscire a fornire risultati in assenza di una regolamentazione e un’applicazione rafforzate. Tutto ciò è già stato provato. La complessità organizzativa di molte TNC, con ampie reti di filiali e operazioni internazionali, crea anche un livello di opacità su quali attori rivestono un’importanza decisiva per la sostenibilità globale. Per questo motivo, suggeriamo di identificare l’entità della concentrazione nell’economia oceanica e le multinazionali che fungono da attori chiave nell’oceano è un passo necessario verso una maggiore trasparenza e responsabilità per una migliore governance degli oceani. Dato il loro potenziale per essere più flessibili e agili rispetto ai governi (individualmente o collettivamente), identificare le multinazionali la cui redditività dipende dall’uso dell’oceano potrebbe fornire una base per esplorare se tali società sono disposte a integrare i principi di gestione nelle loro operazioni per migliorare il sociale e ambientale sostenibilità dell’economia oceanica.

RISULTATI

Le 10 maggiori multinazionali in ciascuno degli otto principali settori dell’economia oceanica hanno generato, in media, il 45% dei rispettivi ricavi totali del settore nel 2018. Le industrie oceaniche con il più alto livello di concentrazione sono state l’industria delle crociere (93%), il trasporto di container (85%) e le attività portuali (82%). Tuttavia, i singoli settori erano caratterizzati da volumi di reddito molto diversi. Ad esempio, ciascuna delle prime 10 TNC offshore di produzione di petrolio e gas ha avuto ricavi annuali superiori a qualsiasi delle maggiori TNC negli altri settori, ad eccezione del trasporto di container.

Annunci

Eccovi una tabella di ricavi per ogni settore fatta però in lingua inglese:

Danwebsite.com
Annunci

Documentario Seaspiracy 2021, in lingua inglese [English Language] :

Per altri Documentari guardare Video nella Home page del sito.

DONATE

Buy me a coffee

1,50 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...