Antivirale orale per covid-19. Solo un’altro errore ?

Il primo antivirale orale per il trattamento del COVID-19, il molnupiravir di Merck & Co., ha ricevuto l’approvazione dall’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito il 4 novembre. Ma l’approvazione, per le persone ad alto rischio di malattia grave, arriva quando un importante virologo ha suggerito che l’uso di molnupiravir potrebbe fare molto piĂą male che bene, potenzialmente scatenando nuove varianti piĂą letali di SARS-CoV-2. Altri virologi affermano che vale la pena monitorare la preoccupazione, ma per ora è in gran parte ipotetica. “Non credo che siamo nella posizione di trattenere un farmaco salvavita per un rischio che può o meno accadere”, afferma Aris Katzourakis, esperto di evoluzione virale presso l’UniversitĂ  di Oxford.

Molnupiravir , che Merck e Ridgeback Boterapheutics hanno sviluppato da un precedente antivirale sperimentale, agisce interferendo con la replicazione virale, disseminando il genoma virale di mutazioni fino a quando il virus non può piĂą riprodursi. Il mese scorso, i funzionari di Merck e Ridgeback hanno annunciato i risultati di uno studio clinico che ha scoperto che somministrare il farmaco a pazienti affetti da COVID-19 all’inizio della malattia ha ridotto del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte . La capacitĂ  del farmaco di mutare l’RNA ha sollevato timori persistenti che possa indurre mutazioni nel materiale genetico di un paziente, causando possibilmente cancro o difetti alla nascita.

Ora, William Haseltine, un virologo precedentemente all’UniversitĂ  di Harvard noto per il suo lavoro sull’HIV e il progetto sul genoma umano, suggerisce che inducendo mutazioni virali, il molnupiravir potrebbe stimolare la nascita di nuove varianti virali piĂą pericolose di quelle odierne. “Stai mettendo in circolazione un farmaco che è un potente mutageno in un momento in cui siamo profondamente preoccupati per le nuove varianti”, afferma Haseltine , che lunedì ha delineato la sua preoccupazione in un post sul blog di Forbes . “Non riesco a immaginare di fare qualcosa di piĂą pericoloso.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...