Le miniere d’oro illegali inondano le foreste amazzoniche di mercurio tossico

Aprile 9, 2010 – Un minatore di Madre de Dios in Perù versa una miscela di mercurio e oro in un contenitore.

A prima vista, la foresta pluviale Amazzonica della Los Amigos Conservation Concession del Perù potrebbe sembrare una natura incontaminata. Uccelli dai colori vivaci svolazzano attraverso la giungla. Una fitta chioma di alberi riecheggia delle grida delle scimmie urlatrici. I giaguari avanzano tranquillamente nell’ombra. Le lontre giganti nuotano nel lago Cocha Lobo. Ma la foresta nasconde un segreto tossico: è contaminata dal mercurio a livelli alti quanto quelli che si trovano nelle regioni industriali della Cina, secondo una nuova ricerca.

Il mercurio è il prodotto di centinaia di miniere d’oro illegali su piccola scala e sta lasciando la sua impronta velenosa nella fauna selvatica della foresta. “Queste foreste … stanno ricevendo un enorme carico di mercurio e il mercurio sta effettivamente entrando nella rete alimentare”, afferma il biogeochimico Jackie Gerson, ricercatore post-dottorato presso l’Università della California, Berkeley, che ha guidato la ricerca come dottorato di ricerca alla Duke University. Il nuovo studio, il primo a descrivere tali effetti in qualsiasi parte del mondo, è un altro filone della crescente rete di prove che collega l’estrazione mineraria all’inquinamento da mercurio nei fiumi, nei pesci e nelle foreste.

L’estrazione dell’oro ha recentemente superato la combustione del carbone come la più grande fonte mondiale di inquinamento da mercurio nell’aria, rilasciando ogni anno nell’atmosfera fino a 1000 tonnellate del potente cervello e del veleno riproduttivo. Usare il mercurio per estrarre l’oro è il sogno di un minatore: il metallo liquido a buon mercato, quando mescolato con un impasto di acqua e minerale grezzo, si lega all’oro prezioso. I minatori quindi riscaldano i globi di mercurio e oro fino a quando il mercurio non si brucia, fluttuando via come vapore.

Risultati disastrosi anche sull’ambiente già in lotta con la deforestazione

In Perù, la tecnologia ha aiutato i minatori su piccola scala a trasformare più di 100.000 ettari di giungla lungo il remoto fiume Madre de Dios in un paesaggio lunare: le fosse piene d’acqua e i cumuli di rocce sono visibili dalla Stazione Spaziale Internazionale . Gli scienziati hanno rintracciato parte del mercurio negli stagni e nei fiumi vicini, dove ha contaminato il pesce mangiato dai minatori e dalle popolazioni indigene. Ma non era chiaro dove stesse andando il resto del mercurio. I test precedenti hanno rilevato livelli sorprendentemente bassi nei suoli all’interno di siti deforestati nella regione di Madre de Dios, afferma Luis Fernandez, ecologista tropicale e direttore esecutivo del Center for Amazonian Scientific Innovation della Wake Forest University, che è stato coinvolto nel nuovo studio.

Per seguire il mercurio, Gerson e altri scienziati hanno visitato due siti minerari con foreste precedentemente disboscate, due aree della giungla ad almeno 50 chilometri dall’attività mineraria e la foresta di Los Amigos, che si trova vicino a un punto caldo minerario. Hanno raccolto l’acqua piovana, il suolo e le foglie dal suolo della foresta e dagli alberi.

Spiccano i campioni della foresta di Los Amigos. Il mercurio si era immerso nella giungla a 15 volte la velocità delle vicine aree deforestate. “All’inizio non credevo a quanto fossero alti alcuni dei numeri”, dice Gerson. I livelli – 137 microgrammi per metro quadrato di suolo ogni anno – erano superiori a quelli di qualsiasi foresta testata vicino a centrali a carbone in Europa e Nord America, e alla pari con città industriali in Cina come Chongqing, dipendente dal carbone, i ricercatori scrivono oggi in Comunicazioni sulla natura .

Annunci

I risultati suggeriscono che gli alberi della giungla si comportano come una specie di spugna di mercurio. Le foglie, che sono ricoperte di polvere contaminata dal mercurio, assorbono anche il mercurio gassoso mentre aspirano l’aria. Il metallo alla fine trova la sua strada verso il suolo della foresta quando le foglie cadono o la pioggia lava via la polvere. Dopo aver catturato l’acqua che gocciolava dalla volta della foresta, i ricercatori hanno scoperto che più del doppio di mercurio inondato dalla pioggia a Los Amigos rispetto a qualsiasi altro sito di indagine. Mentre le concentrazioni di mercurio erano più elevate nelle foglie degli alberi nei due siti minerari, la quantità totale di mercurio era maggiore nella foresta di Los Amigos, grazie alla maggiore abbondanza di alberi.

Ancora I risultati suggeriscono che le foreste possono tamponare alcuni degli effetti negativi del mercurio, nascondendolo nelle foglie e nel suolo. Le persone e la fauna selvatica non sono generalmente a rischio da questo mercurio rinchiuso, dice Gerson. “Potresti camminare attraverso la foresta, potresti nuotare nell’acqua, potresti seppellirti tra le foglie e non otterrai la tossicità del mercurio”. Quella capacità di sequestrare il mercurio è “un altro motivo… per mantenere in piedi le foreste tropicali”, dice Fernandez.

Tuttavia, la forma di mercurio nell’aria può diventare molto pericolosa quando si infiltra nell’acqua e nei sedimenti e viene trasformata in una forma diversa, il metilmercurio, dai batteri presenti nell’acqua. Da questi batteri, il mercurio si sposta nei tessuti degli organismi più in alto nella catena alimentare, compresi i pesci.

I ricercatori hanno trovato segnali che fanno riflettere che il metilmercurio si sta facendo strada nelle creature della foresta. I test su tre specie di uccelli canori a Los Amigos hanno scoperto che avevano livelli di mercurio tra due e 12 volte superiori rispetto a specie simili catturate in una foresta lontana dall’attività mineraria. In sette su 10 occhi nudi macchiati di nero ( Phlegopsis nigromaculata ), i livelli di mercurio erano sufficientemente alti da compromettere la loro capacità di riprodursi.

I Munduruku, che abitano la valle del Tapajós da generazioni, combattono da più di trent’anni per difenderla dalla minaccia dei megaprogetti idroelettrici e dalle miniere d’oro illegali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...