Un eruzione vulcanica cancella l’isola del Pacifico Hunga Tonga-Hunga Ha’apai

15 gennaio 2022

Una potente eruzione vulcanica ha cancellato una piccola isola disabitata del Pacifico meridionale conosciuta come Hunga Tonga-Hunga Ha’apai. Le valutazioni dei danni sono ancora in corso, ma i rapporti preliminari indicano che alcune comunità nella nazione insulare di Tonga sono state gravemente danneggiate dalla cenere vulcanica e da significative onde di tsunami.

Il vulcano aveva eruttato sporadicamente più volte dal 2009 . L’attività più recente è iniziata alla fine di dicembre 2021 quando una serie di eruzioni surtseyane ha costruito e rimodellato l’isola, inviando esplosioni di tefra e gas vulcanici che fuoriescono dalla bocca. Esplosioni relativamente potenti hanno scosso Hunga Tonga-Hunga Ha’apai il 13 gennaio , ma è stata una serie ancora più intensa di esplosioni all’inizio del 15 gennaio che hanno generato onde d’urto atmosferiche, boom sonici e onde di tsunami che hanno viaggiato per il mondo.

Diversi satelliti per l’osservazione della Terra hanno raccolto dati durante e dopo l’eruzione. Gli scienziati affiliati al programma Disasters della NASA stanno ora raccogliendo immagini e dati e li stanno condividendo con i colleghi di tutto il mondo, comprese le agenzie di risposta ai disastri.

La pura potenza dell’eruzione è stata subito evidente nelle immagini satellitari. Come mostrato nell’animazione sopra, un vasto pennacchio di materiale ha creato quella che i vulcanologi chiamano una nuvola ad ombrello con onde d’urto ad arco a forma di mezzaluna e un vasto numero di fulmini .

“La nuvola a ombrello aveva un diametro di circa 500 chilometri (300 miglia) nella sua estensione massima”, ha affermato il vulcanologo della Michigan Tech Simon Carn. “È paragonabile a Pinatubo e uno dei più grandi dell’era satellitare. Tuttavia, il coinvolgimento dell’acqua nell’eruzione di Tonga potrebbe aver aumentato l’esplosività rispetto a un’eruzione puramente magmatica come il Pinatubo”. Il satellite ambientale operativo geostazionario 17 (GOES-17) della NOAA ha catturato le immagini per l’animazione sopra. Le viste a colori naturali dall’Advanced Baseline Imager del satellite sono state acquisite tra le 17:00 e le 20:00 ora locale (dalle 04:00 alle 07:00 ora universale) mentre il pennacchio vulcanico si espandeva verso l’alto e verso l’esterno nel Pacifico meridionale. (La NASA costruisce e lancia la serie GOES di satelliti per NOAA.)

16 gennaio 2022

La seconda immagine, basata sui dati raccolti il ​​16 gennaio dalla missione Cloud-Aerosol Lidar e Infrared Pathfinder Satellite Observations (CALIPSO), mostra il materiale dell’eruzione che sale a un’altitudine di 31 chilometri (19 miglia). Altri dati CALIPSO raccolti il ​​15 gennaio indicano che una piccola quantità di cenere e gas potrebbe aver raggiunto un massimo di 39,7 chilometri (24,7 miglia).

“Questo è di gran lunga il pennacchio vulcanico più alto che abbiamo mai misurato con CALIPSO”, ha affermato Jason Tackett, ricercatore presso il Langley Research Center della NASA. CALIPSO è stato lanciato nel 2006 dalla NASA e dal Centro nazionale francese per gli studi spaziali (CNES).

L’eruzione è stata abbastanza potente da iniettare materiale vulcanico nella stratosfera, che generalmente inizia sopra i 15 chilometri (9 miglia) in questa parte del mondo. Gli scienziati osservano da vicino quando i materiali vulcanici raggiungono questo strato relativamente secco dell’atmosfera perché le particelle indugiano molto più a lungo e viaggiano molto più lontano che se rimanessero nella troposfera inferiore e più umida. Se abbastanza materiale vulcanico raggiunge la stratosfera, può iniziare a esercitare un’influenza di raffreddamento sulle temperature globali.

Nonostante l’estrema altezza del pennacchio del 15 gennaio, gli scienziati non si aspettano che abbia un grande impatto sul clima. Le osservazioni satellitari indicano che l’eruzione ha iniettato circa 0,4 teragrammi di anidride solforosa nell’atmosfera superiore, ma la soglia per gli impatti climatici è di circa 5 teragrammi. “Non è diverso da una dozzina di altre eruzioni che si sono verificate negli ultimi 20 anni in termini di probabili impatti sul clima”, ha spiegato Brian Toon, uno scienziato dell’atmosfera presso l’Università del Colorado. “È possibile che gli impatti saranno osservabili in dati studiati molto da vicino (quando verranno rimossi gli effetti di La Niña e El Niño), ma gli impatti saranno troppo piccoli per essere percepiti dalla persona media”.

Perché questa eruzione sia stata così violenta non è ancora chiaro. “Con qualcosa di così esplosivo, è tipicamente una conseguenza di un grande volume di acqua di mare che entra in contatto con un grande serbatoio di magma in un ambiente geologico ristretto”, ha spiegato Daniel Slayback, uno scienziato della NASA che ha visitato Hunga Tonga-Hunga Ha’apai in 2019 per studiare come l’erosione stesse colpendo le parti più giovani dell’isola. La comprensione dei processi di erosione attorno alle caratteristiche vulcaniche sulla Terra fornisce informazioni su come i processi correlati potrebbero aver avuto luogo in altre parti del sistema solare, incluso Marte .

Le immagini preliminari dei satelliti commerciali e degli imager radar europei e canadesi suggeriscono che una piccola parte di Hunga Tonga-Hunga Ha’apai si trova ancora al di sopra della linea di galleggiamento. L’isola vulcanica è sorta per la prima volta dal mare nel gennaio 2015. L’attività eruttiva ha accumulato cenere attorno a un nuovo cono vulcanico e ha collegato le isole più antiche e più basate sulla lava di Hunga Tonga e Hunga Ha’apai per creare Hunga Tonga-Hunga Ha’apai.

I segni della recente scomparsa dell’isola sono stati facili da individuare per i satelliti nei mari. Il trio di immagini a colori naturali sopra mostra come sedimenti, cenere, pomice e possibilmente emissioni continue del vulcano abbiano scolorito l’acqua nei giorni successivi all’evento. Le immagini sono state acquisite dal Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) sul satellite Aqua della NASA .

La documentazione geologica suggerisce che Hunga Tonga potrebbe aver prodotto grandi eruzioni esplosive come questa in passato. “Semplicemente non mi aspettavo di vederne uno così presto”, ha detto Slayback. “Era una bellissima piccola isola con un fiorente ecosistema di erbe, uccelli tropicali e altri animali selvatici.”

Riferimenti:

1 https://www.nasa.gov/

2 https://disasterscharter.org/web/guest/activations/-/article/ocean-wave-in-tonga-activation-744-

3 https://scied.ucar.edu/learning-zone/atmosphere/stratosphere

paypal-logo-1-7

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Sostieni DanWebsite anche con una minima donazione. È più che sufficiente. Grazie di ❤️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...