Sei pronto per la dittatura digitale?

Coloro che controllano i dati, controllano il futuro e il controllo dei dati potrebbero consentire alle élite umane di fare qualcosa di ancora più radicale che costruire dittature digitali.

La scorsa settimana, il 10 marzo , il governo Brittanico ha annunciato in un comunicato stampa una nuova legislazione intesa a rendere le identità digitali più affidabili e sicure , che tenta di incentivare l’uso delle identità digitali attraverso la sua percepita convenienza, affermando che il suo utilizzo “ridurrà il tempo , sforzi e spese che la condivisione di documenti fisici può…”

Citata nella risposta, la deputata Heather Wheeler, la segretaria parlamentare dell’Ufficio di gabinetto afferma che il governo sta offrendo “una serie di iniziative politiche ambiziose e interconnesse per preparare il Regno Unito al mondo digitale “.

[fonte]

Sebbene le nazioni di tutto il mondo si siano preparate per questo mondo digitale negli ultimi due anni, è stato mascherato da un virus mortale, quindi chiaramente non c’è nulla di “degno di fiducia” in questa legislazione.

Annunci

A loro danno, le masse globali hanno dimostrato di essere disposte a rinunciare alle proprie libertà civili, erano disposte a essere rinchiuse, mascherate e conformi a tutte le misure, regole e restrizioni imposte con la forza. Eppure non è stato loro detto che non si trattava mai di un virus e che i passaporti per i vaccini non riguardavano mai la salute pubblica.

Il motivo principale era infatti quello di preparare il piano generale dell’orchestratore, la creazione di un’infrastruttura digitale permanente per un’identità digitale centrale, per tracciare, manipolare e controllare la popolazione mondiale.

Non Obbligatorio ?

Il ministro dei dati Julia Lopez afferma nel comunicato stampa che la nuova normativa “si impegna a garantire che le identità digitali non siano obbligatorie e le persone potranno comunque utilizzare la documentazione cartacea disponibile. Cosa significherà, però, non è obbligatorio se non ti dispiace non poter andare in vacanza, fare shopping, partecipare ad eventi ecc.

Un primo esempio di richiesta di un’identità digitale è stato riportato ieri dal Daily Express , in un articolo intitolato “Avviso di pagamento: gli acquirenti potrebbero vedersi rifiutare le carte di credito e di debito da lunedì”.

Secondo l’Express, “le carte di credito e di debito potrebbero essere rifiutate da lunedì 14 marzo. Le nuove modifiche che entreranno in vigore vedranno le carte rifiutate se qualcuno non può dimostrare la propria identità”. E “I rivenditori effettueranno ulteriori controlli prima che le persone possano acquistare articoli o prelevare denaro dalle loro carte”.

“Senza il controllo di identificazione per dimostrare che la transazione è genuina, il pagamento con carta potrebbe essere rifiutato”.

Valuta digitale delle banche centrali

Il Financial Times ha anche riferito che le banche centrali si stanno rendendo conto che le valute digitali, delle stesse banche, dovranno essere intimamente legate all’identità per affrontare la finanza illecita e il rischio di disintermediazione bancaria, a causa del rapporto sullo stato di questa settimana dalla divisione di ricerca “econ” di Goldman Sachs, guidata da Jan Hatzius, sulle valute digitali della banca centrale.

Il Financial Times

Il FT ci consiglia di considerare il quadro più ampio. Ciò che la ricerca e la sperimentazione della CBDC sembrano dimostrare è che sarà quasi impossibile emettere tali valute al di fuori di un sistema completo di gestione dell’ID digitale nazionale.

Ciò significa che le CBDC saranno probabilmente legate ad account personali che includono dati personali, storia creditizia e altre forme di informazioni rilevanti.

Il Financial Times

Se non possiamo accedere al nostro denaro senza un ID digitale, come potrebbe non essere obbligatorio?

Il Forum Economico Mondiale

Naturalmente, il piano prevede che ogni persona sul pianeta disponga di ID digitali e l’attuazione di questa è stata pianificata e promossa da anni dal World Economic Forum (WEF) nell’ambito degli Obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 delle Nazioni Unite . Ormai sappiamo che non c’è nulla di affidabile nella legislazione che è stata sostenuta dal WEF.

Un’identità digitale non è semplicemente un mezzo di identificazione che si riferisce a documenti che dimostrano chi dici di essere. La tua “identità” è chi sei realmente ha come “utilità” un maggior controllo, come afferma lo stesso fondatore del WEF Klaus Schwab “niente è fondamentale per gli esseri umani quanto l’identità”.

“La nostra identità è, letteralmente, chi siamo: una combinazione di storia personale, credenze e comportamenti innati e appresi a un insieme di identità culturali, familiari, nazionali, di squadra, di genere o di altro tipo” dice Schwab.

Annunci

L’importanza dei dati

Mentre ci sono molte persone che considereranno gli ID digitali come parte “della scienza”, bisogna anche considerare, però, che un’identità digitale sarà in grado di tenere un registro permanente delle nostre scelte e comportamenti, 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e può anche essere usato contro di noi.

“Inoltre, i dati sono stati solitamente distribuiti nelle mani delle aziende, ma se i dati finiscono nelle mani delle persone sbagliate, ad esempio, una minuscola élite, che potrebbe arrivare a controllare non solo il futuro delle società umane ma anche molte altre forme di vita”, secondo il professor Yuval Noah Harari  che ha un dottorato di ricerca in Storia all’Università di Oxford e ora insegna all’Università Ebraica di Gerusalemme, specializzandosi in Storia del mondo.

Chi controlla i dati controlla il futuro

Coloro che controllano i dati, controllano il futuro, non solo dell’umanità ma della vita stessa. Perché oggi i dati sono l’asset più importante al mondo secondo Harari, parlando a un meeting del WEF nel 2018.

“Nei tempi antichi la terra era il bene più importante e se troppa terra si concentrava in poche mani l’umanità si divideva in aristocratici e popolani. Poi in età moderna, negli ultimi due secoli, i macchinari hanno sostituito la terra come bene più importante. E se troppe macchine si concentrano in troppo poche mani, l’umanità si divide in classi, in capitalisti e in proletariati” sostiene di nuovo Harari.

Predice che “Ora i dati stanno sostituendo i macchinari come risorsa più importante e se troppi dati si concentrano in troppo poche mani, l’umanità non si dividerà in classi, ma si dividerà in specie diverse”.

Annunci

Hackerare le persone

Abbiamo raggiunto il punto in cui possiamo hackerare, non solo i computer, ma possiamo hackerare esseri umani e altri organismi. Nel 2018 Hanrari ha affermato che “di questi tempi si parla molto di hackerare computer, account di posta elettronica, conti bancari e telefoni cellulari, ma in realtà stiamo acquisendo la capacità di hackerare gli esseri umani”.

Per essere in grado di hackerare esseri umani hai bisogno di molta potenza di calcolo e hai bisogno di molti dati, in particolare dati biometrici, questi non sono i soliti dati su ciò che acquistiamo o dove andiamo, questi sono dati su ciò che sta accadendo all’interno del nostro corpo e del nostro cervello.

Due rivoluzioni simultanee, che sono i progressi dell’informatica e in particolare l’ascesa dell’apprendimento automatico e dell’intelligenza artificiale, ci stanno dando la potenza di calcolo necessaria e anche i progressi nella biologia e soprattutto nelle scienze del cervello ci stanno dando la necessaria comprensione biologica.

Il futuro

Harari crede che gli organismi siano algoritmi che saranno persino in grado di dire a una persona dove si trovano nello spettro gay/etero e anche quanto sia malleabile questa posizione, in pratica l’algoritmo tiene traccia dei movimenti oculari, della pressione sanguigna, dell’attività cerebrale e ti dice chi siete.

Inoltre, mentre guardi video o controlli sui social media, gli algoritmi monitoreranno i movimenti oculari, la pressione sanguigna e l’attività cerebrale, non sarai in grado di nasconderti da Amazon, Alibaba o dalla polizia segreta, gli algoritmi saranno in grado di prevedere desideri e manipolare le emozioni e prendere decisioni per nostro conto.

Una dittatura digitale

“Se non stiamo attenti, il risultato potrebbe essere l’ascesa delle dittature digitali”, afferma Harari. “Le informazioni e il potere possono essere concentrati in un unico luogo e le rivoluzioni tecnologiche dell’IA e dell’apprendimento automatico che utilizzano l’elaborazione centralizzata dei dati sono più efficienti dell’elaborazione dei dati distribuita delle nazioni democratiche “

“Se le società democratiche non possono adattarsi, gli esseri umani finiranno per vivere sotto il dominio delle dittature digitali”.

Consentendo l’implementazione delle identità digitali, non stiamo potenzialmente aprendo la porta a questo?

FONTE: https://dailyexpose.uk/

Una guerra silenziosa che porterà inesorabilmente a un vincitore.
paypal-logo-1-5

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Sostieni DanWebsite anche con una minima donazione. È più che sufficiente. Grazie di ❤️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...