La NASA trova il ghiaccio marino invernale artico del 2022 al decimo posto più basso mai registrato

Visualizzazione dell'estensione del ghiaccio marino artico marzo 2022
Questa immagine mostra la concentrazione media di ghiaccio marino artico il 25 febbraio 2022. Il contorno giallo mostra l’estensione mediana del ghiaccio marino per il mese di marzo, quando il ghiaccio raggiunge generalmente la sua estensione massima, come osservato dai satelliti dal 1981 al 2010. Una mediana è il valore medio. Cioè, metà delle estensioni erano più grandi della linea e metà erano più piccole.Crediti: Joshua Stevens/NASA Earth Observatory

Il ghiaccio marino artico sembrava aver raggiunto la sua estensione massima annuale il 25 febbraio dopo essere cresciuto durante l’autunno e l’inverno. L’estensione dell’orario invernale di quest’anno è la decima più bassa nel record satellitare mantenuto dal National Snow and Ice Data Center , uno dei centri di archiviazione attiva distribuiti della NASA.

L’estensione del ghiaccio marino artico ha raggiunto il picco di 5,75 milioni di miglia quadrate (14,88 milioni di chilometri quadrati) ed è di circa 297.300 miglia quadrate (770.000 chilometri quadrati) al di sotto del massimo medio del 1981-2010, equivalente alla mancanza di un’area di ghiaccio leggermente più grande del Texas e del Maine messi insieme. Questo massimo si collega al 2015 come il terzo primo mai registrato.

Il ghiaccio marino aumenta e diminuisce con le stagioni ogni anno. Nell’Artico raggiunge la sua massima estensione intorno a marzo dopo essere cresciuto durante i mesi più freddi e si riduce alla sua estensione minima a Settembre dopo lo scioglimento durante i mesi più caldi. Nell’emisfero australe, il ghiaccio marino antartico segue un ciclo opposto.

Annunci

Per stimare l’estensione del ghiaccio marino, i sensori satellitari raccolgono dati sul ghiaccio marino che vengono elaborati in immagini giornaliere, ciascuna cella della griglia di immagini che copre un’area di circa 15 miglia per 15 miglia (25 chilometri per 25 chilometri). Gli scienziati utilizzano quindi queste immagini per stimare l’estensione dell’oceano in cui il ghiaccio marino copre almeno il 15% dell’acqua.

Grafico dell'estensione giornaliera del ghiaccio marino artico fino al 20 marzo 2022

Questo grafico mostra l’estensione giornaliera del ghiaccio marino artico nel 2022, 2021 e 2012 rispetto alla media 1981-2010. L’estensione massima annuale di quest’anno è stata raggiunta il 25 febbraio.

Da quando i satelliti hanno iniziato a tracciare in modo affidabile il ghiaccio marino nel 1979, le estensioni massime nell’Artico sono diminuite a un ritmo di circa il 13% per decennio, con le estensioni minime in calo di circa il 2,7% per decennio. Queste tendenze sono legate al riscaldamento causato da attività umane come l’emissione di anidride carbonica, che intrappola il calore nell’atmosfera e provoca l’aumento delle temperature. L’ analisi della NASA mostra anche che l’Artico si sta riscaldando circa tre volte più velocemente rispetto ad altre regioni.

Questo febbraio, il ghiaccio marino antartico è sceso a un livello minimo record . Ma a differenza dell’Artico, questo ghiaccio marino ha mostrato alti e bassi irregolari principalmente a causa delle caratteristiche geografiche che lo circondano. I venti e le correnti oceaniche specificamente legati all’Oceano Australe e all’Antartide hanno una forte influenza sull’estensione del ghiaccio marino.

Il ghiaccio marino nell’Artico è circondato da terra, mentre il ghiaccio marino nell’Antartico è circondato solo dall’oceano e può quindi diffondersi più liberamente. Nel complesso, il record di ghiaccio marino antartico mostra una tendenza o un aumento leggermente al rialzo, ma quasi piatto.

I guadagni del ghiaccio marino antartico non sono abbastanza grandi da compensare le perdite dell’Artico. Il ghiaccio in entrambe le regioni aiuta a regolare le temperature globali . Anche se l’Antartide raggiunge livelli equilibrati di ghiaccio marino a livello globale, le perdite di ghiaccio marino artico potrebbero comunque contribuire a un ulteriore riscaldamento regionale e globale.

paypal-logo-1-6

DONA

GRAZIE DI ❤️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...