La “scienza” del riscaldamento globale?

Gli incompetenti nella scienza presumono nient’altro che i cosiddetti gas serra riscaldino l’atmosfera. Hanno perso di vista il fatto che l’atmosfera è riscaldata dal vento che soffia sulla superficie e raccoglie il calore attraverso la conduzione e la convezione. La mancanza di un fatto così semplice mostra il grado di incompetenza nella scienza del commercio di potere.

I cosiddetti gas serra non possono assorbire la radiazione solare, che è ad una frequenza troppo elevata; possono assorbire solo la radiazione a bassa frequenza emessa da sostanze fredde come la superficie terrestre. Tale radiazione emessa dalla sostanza fredda è quasi inesistente.

I veri scienziati hanno stabilito più di un secolo fa che una piccola quantità di anidride carbonica assorbe tutte le radiazioni a sua disposizione e, di più, che l’anidride carbonica non può assorbire ancora più radiazioni, il che è chiamato saturazione.
 

Radiazione terrestre

Altri fattori riscaldano il pianeta
 

La matematica falsa , chiamata equazioni di trasferimento radiativo , è stata escogitata per calcolare il calore intrappolato nell’atmosfera.

Non esiste una cosa come intrappolare il calore nell’atmosfera. L’aria si raffredda di 20 gradi o più durante le notti serene. Il raffreddamento avviene perché la radiazione viene emessa nello spazio. Un gas trasparente come l’atmosfera emette radiazioni molto più rapidamente di una superficie opaca come la Terra, perché la radiazione può essere emessa da ogni punto tridimensionale in un gas trasparente ma solo dalla superficie di un solido opaco.

La radiazione assorbita nell’atmosfera viene riemessa in 83 femto secondi . Significa che non c’è intrappolamento di calore nell’atmosfera.Assorbimento di CO2

Questo numero, 83 femto secondi, può essere noto, perché il calore viene costantemente convertito in radiazione. Il calore è la vibrazione delle molecole. Quando le molecole vibrano, creano onde di radiazione. L’intensità della radiazione assorbita dai cosiddetti gas serra sarà più debole della radiazione emessa dalle stesse molecole a causa di una larghezza di banda molto più stretta per la radiazione “impronta digitale” assorbita rispetto alla radiazione infrarossa emessa, di corpo nero.

Per l’anidride carbonica, la radiazione assorbita (impronta digitale) è l’8% della radiazione infrarossa del corpo nero, come determinato circa 70 anni fa. L’otto percento è la larghezza di banda dell’assorbimento di CO2 come mostrato nell’immagine in alto.

Quindi gli 83 femto secondi sono la quantità di tempo necessaria affinché una vibrazione di una molecola di CO2 emetta un’onda di radiazione assorbita. In altre parole, la CO2 è un passaggio per la radiazione, non una molecola intrappolante (oltre alla quantità di radiazione coinvolta troppo piccola per essere rilevante per il processo altamente dinamico del sole che riscalda il pianeta).

Riferimenti: http://www.oism.org/pproject/s33p1845.htm

Collegamenti esterni:
Isherwood – Prospettive e citazioni
 Fisica climatica – Ed Berry
 Railroaded Science – Di Richard Lindzen
 Jaworowski: critico delle misurazioni delle carote di ghiaccio
Calore all’interno della Terra
El Nino e
Critica politica sulla CO2. 24 maggio 2006
Riepilogo storico
Dati grezzi sulla CO2 nell’aria
Critiche sulla CO2: Segalstad

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...