Il Canada va avanti con i piani per implementare gli ID digitali

Le province canadesi sono combattute sull’implementazione degli ID digitali. Alberta e Ontario hanno già avviato il processo mentre il Saskatchewan ha recentemente annullato i suoi piani. Tuttavia, il Treasury Board of Canada Secretariat (“TBS”) e il Digital Identification and Authentication Council of Canada (“DIACC”) sembrano determinati ad andare avanti indipendentemente da come i cittadini si sentono riguardo ai loro piani. Ovviamente, usano il tono di vendita di convenienza per convincere il pubblico a rinunciare alle proprie libertà.

A febbraio Trudeau ha revocato i suoi poteri autoconcessi in risposta alle proteste del convoglio di camionisti, ma la scorsa settimana ha indicato che potrebbe invocare nuovamente l’Emergencies Act in futuro.

Tenendo presente la mentalità del Primo Ministro canadese – la rimozione dei diritti e delle libertà da coloro che mostrano disapprovazione delle politiche del governo – l’implementazione degli ID digitali non può essere considerata benigna.

Le province canadesi sono combattute sull’implementazione di un ID digitale

Come ha scritto The Counter Signal in un recente articolo, mentre Alberta e Ontario hanno già lanciato il loro ID digitale, il Saskatchewan ha recentemente annullato il suo piano dopo aver interrogato i cittadini che non volevano avere nulla a che fare con esso. Invece, il governo provinciale ora afferma che monitorerà l’adozione e il feedback dei colleghi di altre giurisdizioni. “Osserveremo da vicino per osservare come progrediscono i loro programmi di identificazione digitale”, ha dichiarato un funzionario del Ministero di SaskBuilds.

(Correlato: ecco perché il Saskatchewan ha cancellato il suo programma di identificazione digitale , Rebel News)

La decisione del Premier dell’Alberta Jason Kenney di perseguire l’implementazione di un ID digitale è curiosa poiché alla fine del 2020 ha chiamato il World Economic Forum (“WEF”), il suo fondatore Klaus Schwab e l’agenda The Great Reset, dicendo che non è una teoria del complotto e che le persone hanno il diritto di essere interessate, ha osservato The Counter Signal . 

The Counter Signal ha aggiunto: “Le [sue] dichiarazioni ora suonano molto ironiche poiché il punto fondamentale dell’agenda del Great Reset di Klaus Schwab è collegare l’umanità a un ID digitale, una valuta digitale della banca centrale e calzare un punteggio di credito sociale in stile cinese affinché il mondo occidentale possa gettare le basi per la Quarta Rivoluzione Industriale”.

Sid Seixerio e Dina Pugliese, conduttori di Breakfast Television, hanno lanciato l’allarme sugli ID digitali dell’Ontario nel marzo 2022. Ai cittadini dell’Ontario verrà rilasciato un ID digitale governativo che darà loro accesso a una serie di servizi come banche, appuntamenti medici e anche ottenere una licenza di matrimonio. E tutte queste informazioni personali e private rimarranno comodamente sul tuo dispositivo mobile.

“Non ho così tante informazioni personali sul mio telefono”, ha dichiarato Seixerio.

Breakfast Television: il governo dell’Ontario lancerà carte d’identità digitali entro la fine dell’anno, 10 marzo 2022 (5 minuti)

I partiti di opposizione e i candidati esprimono le loro preoccupazioni contro l’ID digitale e la valuta centralizzati

L’Ontario Party, guidato da Derek Sloan, ha presentato una petizione alla legislatura dell’Ontario che propone il divieto degli ID digitali.

“I pericoli che questo nuovo programma rappresenta per la difesa delle libertà civili e dei diritti alla privacy, e le chiare opportunità di abuso dell’autorità governativa che presenta in termini di sorveglianza e comportamento obbligato, utilizzando l’accesso alle risorse di base come strumento di coercizione, sono inquietanti. Indicano la progressione verso un sistema di “credito sociale” comunista distopico in stile cinese”, afferma la petizione . La petizione prosegue:

“Alcuni cittadini canadesi hanno già subito tale coercizione attraverso il sequestro di proprietà e il congelamento di conti bancari come rappresaglia per aver sostenuto la protesta del ‘Freedom Convoy'”.

Il candidato del PCC Pierre Poilievre ha anche recentemente proposto di vietare la valuta digitale centralizzata che il governo liberale ha intrufolato nel proprio bilancio se eletto.

La campagna sponsorizzata dal governo – Posso vedere alcuni ID (digitali)?

L’identità digitale, o ID digitale, lavora con Tell Us Once “come una coppia dinamica per migliorare l’esperienza dell’utente del servizio per i servizi GC online”, ha scritto un funzionario pubblico sul sito Web del governo del Canada (“GC”).

L’idea alla base di Tell Us Once è semplice, si tratta di fornire ai cittadini un luogo centrale per accedere: “una finestra per accedere ai servizi del governo”, ha affermato Teresa D’Andrea, Direttore esecutivo per l’abilitazione digitale di TBS. Il Covid ha senza dubbio portato avanti la necessità di Tell Us Onceha scritto un altro funzionario pubblico sul sito web di GC.

Il team Digital ID fa parte dell’Office of the Chief Information Officer of Canada nell’ambito della sicurezza informatica presso TBS. Il direttore del team, Michael Goit, descrive l’ID digitale come “uno strumento per i canadesi per accedere ai servizi governativi in ​​modo semplice e sicuro”.

Il GC ha attualmente 33 dipartimenti che gestiscono oltre 270 programmi e servizi governativi online. “Attualmente, devi inserire la tua e-mail e password per accedere a diversi tipi di servizi governativi offerti da diversi dipartimenti. Questo porta alla frammentazione. L’ID digitale sarebbe un’unica chiave per aprire tutte le porte”, ha spiegato Goit nel tentativo di vendere l’idea al pubblico canadese. “Digital ID significa consentire la fiducia nelle transazioni digitali e renderle completamente digitali end-to-end”.

Perché questa trasformazione è così importante? Uno dei motivi ha spiegato Po Tea-Duncan, direttore esecutivo ad interim di TBS, è stato “Il Covid ha spinto il digitale in modo importante. I canadesi ora si aspettano di poter ricevere servizi online a cui accedevano di persona”.

Alla domanda su cosa significhi per loro l’ID digitale, Po ha detto che si tratta di “consentire servizi governativi online sicuri e affidabili”. Goit fa un ulteriore passo avanti: “Digital ID significa consentire la fiducia nelle transazioni digitali e renderle completamente digitali end-to-end”.

TBS fa parte del consiglio di amministrazione di DIACC, una coalizione senza scopo di lucro di organizzazioni del settore pubblico e privato con la missione di sbloccare “capacità del settore pubblico e privato per garantire la piena e vantaggiosa partecipazione del Canada all’economia digitale”.

Il DIACC sta fornendo il quadro “per sviluppare un ecosistema di identificazione e autenticazione digitale robusto, sicuro, scalabile e che migliora la privacy”. Il Trust Framework Expert Committee (“TFEC”) rappresenta una varietà di parti interessate del settore pubblico e privato che collaborano per fornire risorse che aiutano a risolvere e proteggere l’identità, inclusi casi d’uso convalidati, standard, accordi modello, allineamenti internazionali e raccomandazioni informative sullo sviluppo di politiche.

E non sono solo gli esseri umani che vogliono “identificare”. Il DIACC ha gruppi distopici di interesse speciale come la ” Verifica dell’identità e tracciabilità degli alimenti ” per la creazione e la gestione di prodotti agroalimentari o identificatori univoci di articoli per consentire il tracciamento e la tracciabilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...