Hanno intenzione di usarlo? Il WEF rimuove l’articolo sul “Controllo mentale tramite le onde sonore”

Il WEF [ World Economic Forum ] ha rimosso l’articolo del 2018 collegato a questo tweet su “Il controllo mentale tramite le onde sonore…”

Ma perché?

  • Stanno per usarlo? Lo stanno già usando?
  • Sono disposti a nascondere i loro prossimi passi nel controllo delle masse?
  • L’hanno rimosso per lo stesso motivo per cui hanno eliminato l’articolo “non possiedi nulla?” Perché allora le persone si renderanno davvero conto di chi è coinvolto in tutto questo…

Di seguito troverai l’articolo WEF eliminato [tradotto per intero].

VI CONSIGLIO COMUNQUE DI RITENERE LE INFORMAZIONI DEL SEGUENTE ARTICOLO UNA FONTE INESAURIBILE DI PROPAGANDA “SCIENTIFICA“, CHE È UN MEZZO PER UN FINE…

Controllo mentale usando le onde sonore? Chiediamo a uno scienziato come funziona

Controllo mentale usando le onde sonore?  Chiediamo a uno scienziato come funziona
Controllo mentale usando le onde sonore? Chiediamo a uno scienziato come funziona

Al momento, la neuromodulazione non invasiva, che modifica l’attività cerebrale senza l’uso della chirurgia, sembra pronta a inaugurare una nuova era dell’assistenza sanitaria. Le scoperte potrebbero includere una migliore gestione del morbo di Parkinson e dell’Alzheimer, la riduzione del dolore dell’emicrania o persino l’inversione dei disturbi cognitivi causati da lesioni cerebrali.

Ma cosa succede se questa tecnica per alterare le nostre onde cerebrali sfugge alla regolazione e cade nelle mani sbagliate? Immagina un regime dittatoriale con accesso a trucchi e strumenti per cambiare il modo in cui i suoi cittadini pensano o si comportano.

Questo è il campo di battaglia etico in cui si trova Antoine Jerusalem, professore di scienze ingegneristiche all’Università di Oxford, mentre ricerca il potenziale della tecnologia a ultrasuoni per affrontare malattie e disturbi neurologici.

In questa intervista, condotta nell’ambito dell’incontro annuale del World Economic Forum in Medio Oriente di scienziati, governo e imprese, ci racconta di più su questo campo di ricerca in crescita.

Controllare il cervello con le onde sonore: come funziona?

Bene, per arrivare direttamente alla scienza, il principio della neuromodulazione non invasiva è focalizzare le onde ultrasoniche in una regione del cervello in modo che si raccolgano tutte in un piccolo punto. Quindi si spera che, dato il giusto set di parametri, questo possa cambiare l’attività dei neuroni.

Se vuoi sbarazzarti dei neuroni che si sono scatenati, ad esempio nell’epilessia, allora potresti voler aumentare l’energia per ucciderli essenzialmente. Ma se vuoi promuovere o bloccare selettivamente l’attività neuronale, devi mettere a punto le tue onde ultrasoniche con attenzione.

In altre parole, c’è una differenza tra la stimolazione ad ultrasuoni utilizzata per rimuovere i tessuti e la neuromodulazione ad ultrasuoni, che ha lo scopo di controllare l’attività neuronale senza danneggiare il tessuto.

La neuromodulazione ad ultrasuoni è qualcosa che sicuramente funziona, ma che ancora non capiamo.

Quale bene sociale può derivarne?

Le parole d’ordine attuali sono Alzheimer e morbo di Parkinson, oltre a lesioni cerebrali traumatiche. Ma gli scienziati stanno anche esaminando il midollo spinale e il sistema nervoso periferico. Per quanto mi riguarda, dal momento che il cervello è de facto il centro decisionale di così tanti processi, ognuno di essi potrebbe essere preso di mira.

È sicuro?

Quando si tenta di “controllare” l’attività neuronale fornendo piccole vibrazioni meccaniche a una regione del cervello, è importante che il focus degli ultrasuoni, la frequenza e l’ampiezza siano sintonizzati correttamente, altrimenti il ​​cervello potrebbe essere danneggiato.

Il punto è che ancora non sappiamo come mettere a punto tutto questo; e se dovessi esagerare un po’, potrei dire che il nostro approccio attuale non è così lontano dal giocherellare con le impostazioni di una radio finché non sentiamo la stazione giusta.

Una delle tante difficoltà è sapere con certezza che stiamo davvero controllando i neuroni con queste onde sonore, invece di danneggiarli. La verità è che ancora non sappiamo come funziona il processo. E se non sai come funziona, non sai quanto sia “troppo”.

Quali sono le maggiori sfide etiche?

Il potenziale di questa tecnica è enorme – con questo intendo il numero di applicazioni, così come l’uso etico.

Da un punto di vista biologico, è simile ai farmaci. Può curarti, può farti diventare dipendente e può ucciderti. Si tratta di rimanere all’interno di un determinato insieme di regole. Da un punto di vista etico, il mondo sta cambiando così velocemente che è difficile valutare cosa sarà accettabile domani se non oggi.

Sono anche convinto che la natura umana sia tale che se qualcosa può essere fatto, sarà fatto. La domanda è da chi. Preferirei avere una società giusta che guida la danza piuttosto che uno stato canaglia senza alcun rispetto per la vita umana o animale. Se vogliamo condurre quel ballo tra 10 anni, dobbiamo iniziare a fare ricerche oggi.

Quanto potrebbe diventare distopico?

Vedo arrivare il giorno in cui uno scienziato sarà in grado di controllare ciò che una persona vede nella sua mente, inviando le onde giuste nel posto giusto nel suo cervello. La mia ipotesi è che la maggior parte delle obiezioni saranno simili a quelle che sentiamo oggi sui messaggi subliminali nelle pubblicità, solo molto più veemente.

Questa tecnologia non è esente da rischi di uso improprio. Potrebbe essere una tecnologia sanitaria rivoluzionaria per i malati o un perfetto strumento di controllo con cui gli spietati controllano i deboli. Questa volta, però, il controllo sarebbe letterale.

Cosa possiamo fare per salvaguardarne il potenziale?

Non intendo sostenere che gli scienziati siano tutti saggi e ben informati quando si tratta di ciò che dovrebbe e non dovrebbe essere fatto. Alcuni di noi andranno il più lontano possibile. Ma questa è la natura umana, e non esclusiva degli scienziati.

Ad ogni modo, il nostro compito è trovare qualcosa che sia benefico per l’umanità. E se trovi un modo per migliorare qualcuno, molto probabilmente sai anche come fare il contrario. L’obiettivo è fare in modo che la regolamentazione prevenga il secondo, senza ostacolare il primo. Credo che questo sia il ruolo dei regolatori. E penso che l’Unione Europea, dove lavoro, sia abbastanza brava in questo.

Un altro ruolo dei politici dovrebbe essere quello di fornire una piattaforma di comunicazione per spiegare la visione a lungo termine di una determinata area di ricerca. E può essere troppo presto, o non essere una buona idea, e la decisione finale potrebbe benissimo essere quella di fermarlo. Ma a lungo termine, il pubblico dovrebbe avere i potenziali vantaggi di una nuova tecnologia spiegata loro in parole semplici, cosa in cui gli scienziati non sono necessariamente bravi.

I politici dovrebbero ricordare che se non lo facciamo, qualcuno da qualche parte lo farà comunque…potenzialmente non regolamentato.

FONTE:https://strangesounds.org/#

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...