La più grande compagnia di sorveglianza del mondo di cui non hai mai sentito parlare

Esempio di sorveglianza di massa in Cina con riconoscimento facciale.

Hikvision potrebbe essere sanzionata per aver aiutato il governo cinese nella violazione dei diritti umani nello Xinjiang. Ecco tutto ciò che devi sapere.

Potresti non aver mai sentito parlare di Hikvision, ma è probabile che tu sia già stato catturato da una delle sue milioni di telecamere. I prodotti dell’azienda cinese possono essere trovati ovunque, dai sistemi di sorveglianza della polizia ai baby monitor in più di 190 paesi. La sua capacità di realizzare prodotti di qualità decente a prezzi economici (così come i suoi legami con lo stato cinese) hanno contribuito a rendere Hikvision il più grande produttore di apparecchiature di videosorveglianza al mondo.

Tecnologia Hikvision

Ma mentre gli stretti legami di Hikvision con il governo cinese l’hanno aiutata a crescere, sono questi legami che ora potrebbero essere la sua rovina. L’azienda ha contribuito a costruire il massiccio sistema di sorveglianza della polizia cinese e lo ha adattato per opprimere i gruppi di minoranze musulmane nello Xinjiang. Di conseguenza, il governo degli Stati Uniti ha imposto diverse sanzioni nei suoi confronti negli ultimi tre anni. Quest’anno, secondo quanto riferito, il Tesoro degli Stati Uniti sta valutando l’aggiunta di Hikvision all’elenco dei cittadini appositamente designati e delle persone bloccate (SDN), solitamente riservato a paesi come la Corea del Nord o l’Iran.

La designazione SDN vieterebbe a chiunque in qualsiasi parte del mondo di fare affari con Hikvision, una sanzione molto più dura di quella che la società cinese Huawei sta subendo ora. Paesi e aziende rischierebbero di essere aggiunti alla stessa lista se non rispettassero ciò. Sebbene le milioni di telecamere Hikvision attualmente in uso non debbano essere sostituite dall’oggi al domani, non saranno disponibili per la vendita in futuro. “Potrebbe fondamentalmente trasformare Hikvision in una società nazionale molto rapidamente”, afferma Conor Healy, che ricerca Hikvision presso IPVM, una pubblicazione commerciale online per l’industria della videosorveglianza.

In che modo questa azienda cinese di 21 anni è salita alla ribalta globale e quanto è strettamente collegata al governo cinese? Perché i governi occidentali non si fidano più dell’azienda e cosa significano le imminenti sanzioni per il suo futuro? Ecco tutto ciò che dovresti sapere su Hikvision, un’azienda un tempo nascosta, che si avvia a diventare l’azienda tecnologica più autorizzata al mondo.

Cos’è Hikvision?

Fondata nel 2001, Hikvision era nella posizione perfetta per sfruttare la tendenza all’aggiornamento della sicurezza all’indomani dell’11 settembre. Ha iniziato vendendo schede di acquisizione video utilizzate nei sistemi di sorveglianza, ma ha introdotto le proprie videocamere nel 2007. Oggi vende di tutto, dal software all’hardware, di solito a prezzi molto più convenienti rispetto ai concorrenti internazionali.

Il suo team fondatore era composto principalmente da ingegneri della China Electronics Technology Group Corporation, una società statale che produce prodotti elettronici sia per usi civili che militari. Nel 2008, Hikvision ha trasferito il 48% delle sue azioni a CETC, rendendo Hikvision ufficialmente una sussidiaria di un’azienda statale. 

Come in molti paesi , il più grande cliente di sorveglianza in Cina è il governo. Con l’aiuto del suo background statale, Hikvision iniziò presto a ottenere contratti grandi e piccoli dai governi locali per costruire sistemi di polizia o di controllo del traffico. In particolare, è diventato una parte importante dei progetti di polizia cinesi Skynet (terminologia usata anche nella serie di film Terminator) e Sharp Eyes, che mirano a posizionare telecamere in ogni strada per monitorare i cittadini. Ad esempio, Hikvision ha ottenuto un contratto da 125 milioni di dollari nel 2018 per costruire o aggiornare 45.000 telecamere nella città cinese di Xi’an, 16.000 delle quali dovrebbero essere dotate di funzioni di rilevamento umano o riconoscimento facciale.

Ma Hikvision ha anche puntato a diventare globale sin dall’inizio. Ha iniziato a registrare il suo nome come marchio in oltre cento paesi già nel 2004. Nel 2010 è stato il principale fornitore di videoregistratori digitali al mondo grazie alla sua rete di telecamere di sorveglianza, che utilizzano i DVR per registrare le riprese. Le vendite all’estero hanno rappresentato il 27% dei suoi 12,42 miliardi di dollari di entrate nel 2021

È difficile sapere esattamente quante telecamere Hikvision vengono utilizzate nel mondo, però nel 2021 il gruppo di ricerca del settore Top10VPN ha utilizzato il motore di ricerca Shodan (che scansiona Internet per gli indirizzi IP univoci utilizzati dai dispositivi, in questo caso le telecamere) per trovare 4,8 milioni di reti di dispositivi Hikvision in 191 paesi al di fuori della Cina. 

Con oltre 600.000 reti Hikvision, gli Stati Uniti hanno il secondo numero più alto di telecamere dell’azienda, subito dopo il Vietnam (la ricerca non è riuscita a identificare la maggior parte delle reti di telecamere in Cina). Ciascuna di queste reti IP rilevate può supportare fino a 24 telecamere Hikvision , il che significa che il numero totale di telecamere sarà ancora più alto. E questa è solo una stima prudente, perché non tutte le telecamere compaiono nelle scansioni di Shodan.

Ad esempio, la ricerca ha rilevato 55.455 reti Hikvision a Londra. “Dalla mia esperienza di passeggiare per Londra, probabilmente sarebbe stato più volte quello. Si trovano in quasi tutti i supermercati”, afferma Samuel Woodhams, un ricercatore di Top10VPN che ha condotto lo studio.

La prevalenza delle telecamere Hikvision all’estero ha causato ansie per la sicurezza nazionale, anche se non è stato dimostrato che l’azienda trasferisca i suoi dati all’estero. Nel 2019, gli Stati Uniti hanno approvato un disegno di legge che vietava a Hikvision di intrattenere contratti con il governo federale.

Ciò che ha reso Hikvision infame sulla scena mondiale è stato il suo coinvolgimento nelle politiche oppressive della Cina nello Xinjiang contro le minoranze musulmane, per lo più uiguri. Numerose telecamere di sorveglianza, molte dotate di riconoscimento facciale avanzato, sono state installate sia all’interno che all’esterno dei campi di detenzione nello Xinjiang per aiutare il controllo del governo sulla regione. E Hikvision è stata una parte importante di questa attività. Si è scoperto che la società ha ricevuto almeno 275 milioni di dollari in contratti governativi per costruire la sorveglianza nella regione e ha sviluppato telecamere AI in grado di rilevare le caratteristiche fisiche dell’etnia uigura

Presentata con domande sullo Xinjiang da MIT Technology Review, Hikvision ha risposto con una dichiarazione che non affronta il tema direttamente, ma ha affermato che la società “ha e continuerà a rispettare rigorosamente le leggi e i regolamenti applicabili nei paesi in cui operiamo, seguendo l’etica aziendale accettata a livello internazionale e standard aziendali”.

“Sono in grado di tenere le persone in” posizione” attraverso i checkpoint e i sistemi di riconoscimento facciale hanno trasformato l’intera regione, almeno dal punto di vista uiguro, in un sistema flessibile e chiuso. Ne parlano spesso come di una prigione a cielo aperto”, afferma Darren Byler, antropologo della Simon Fraser University e autore di In the Camps: China’s High-Tech Penal Colony . “E questo non sarebbe davvero possibile senza queste aziende tecnologiche”.

Acque inesplorate

L’aggiunta di Hikvision all’SDN non farebbe che aumentare le tensioni tra Stati Uniti e Cina: aprirebbe un nuovo fronte nelle sanzioni internazionali, in cui le aziende tecnologiche si trovano sempre più coinvolte in lotte di potere geopolitico.

Le persone potrebbero essere perseguite penalmente per aver lavorato o fatto affari con l’azienda una volta annunciata la sanzione, afferma Healy: “[Hikvision] non può più interagire con il dollaro USA o il sistema finanziario statunitense. E anche altre banche e altre istituzioni finanziarie in tutto il mondo, in generale, non faranno affari con te, perché vogliono mantenere il loro accesso al dollaro USA e ai mercati finanziari statunitensi”. 

Per lo meno, ciò significherebbe che Hikvision non sarebbe in grado di vendere le sue telecamere al di fuori della Cina e le sue entrate internazionali scenderebbero a zero. Ma non è chiaro se ai governi e alle aziende che già utilizzano le telecamere Hikvision verrà chiesto di sostituirle immediatamente. Quindi le cose diventano ancora più complicate quando si tratta dei servizi Hikvision oltre l’hardware. Gli attuali utenti di Hikvision possono accettare aggiornamenti software dall’azienda? Utilizzare lo spazio di archiviazione cloud dell’azienda? “Questo è esattamente il genere di cose per cui [il governo degli Stati Uniti] potrebbe fare un’eccezione qui”, afferma Healy, perché l’applicazione tradizionale dell’elenco SDN potrebbe diventare impraticabile nell’era digitale. 

Gli strumenti sanzionatori tradizionali non sono progettati per Internet. “Siamo in un’era di innovazione statunitense e di precedenti e rottura in termini di misure restrittive”, afferma Jon Bateman, ricercatore senior in tecnologia e affari internazionali presso il Carnegie Endowment for International Peace. 

Nessuna grande azienda tecnologica che ha prodotti venduti in tutto il mondo è mai stata inserita nell’elenco SDN. Huawei, l’attuale capostipite delle aziende tecnologiche coinvolte nelle tensioni USA-Cina, non può acquistare prodotti statunitensi, ricevere investimenti statunitensi o vendere negli Stati Uniti, ma i prodotti Huawei sono ancora venduti al di fuori degli Stati Uniti. Se Hikvision dovesse finire nell’elenco SDN, sarà un caso importante per studiare come le tecnologie, sia hardware che software, possano essere bandite a livello internazionale. 

Da parte sua, la Cina ha espresso il suo sostegno a Hikvision; in risposta alla notizia della potenziale sanzione, un portavoce del ministero degli Esteri ha accusato gli Stati Uniti di “aver abusato del potere statale e del diritto interno per reprimere arbitrariamente le aziende cinesi”. Ma sarà improbabile che altri paesi sfidino pubblicamente gli Stati Uniti se la sanzione verrà approvata. Il fiorente mercato in Cina potrebbe ancora mantenere viva Hikvision, ma sarà una grande battuta d’arresto per le aziende cinesi che sperano di farsi un nome all’estero.

paypal-logo-1-5

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Un pensiero su “La più grande compagnia di sorveglianza del mondo di cui non hai mai sentito parlare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...