Come rimuovere l’ossido di grafene, l’ingrediente pericoloso e non divulgato nei vaccini COVID, dal corpo

L’ossido di grafene, una sostanza velenosa per l’uomo, è stato trovato nei “vaccini” del Covid 19, nella rete idrica, nell’aria che respiriamo attraverso le scie chimiche ed è anche nel nostro approvvigionamento alimentare. L’ossido di grafene interagisce e viene attivato dalle frequenze elettromagnetiche (“EMF”), in particolare la gamma più ampia di frequenze che si trova nel 5G che può causare ancora più danni alla nostra salute.

I sintomi dell’avvelenamento da ossido di grafene e della malattia da radiazioni EMF sono simili a quei sintomi descritti come Covid. La buona notizia è che ora che l’ossido di grafene è stato identificato come contaminante, ci sono modi per rimuovere l’ossido di grafene dai nostri corpi e ripristinare la salute.

Questo è un approccio olistico che prevede l’utilizzo simultaneo di diversi metodi per ottenere il miglior effetto. Compresi supplementi specifici per degradare l’ossido di grafene nel corpo e controllare i campi elettromagnetici nell’ambiente per ridurre al minimo l’attivazione dell’ossido di grafene.

Queste informazioni provengono da diverse fonti e si basano su studi scientifici.

Capire il glutatione

Il glutatione è una sostanza composta dagli amminoacidi: glicina, cisteina e acido glutammico. È prodotto naturalmente dal fegato e coinvolto in molti processi nel corpo, tra cui la costruzione e la riparazione dei tessuti, la produzione di sostanze chimiche e proteine ​​​​necessarie nel corpo e per il sistema immunitario. Abbiamo una riserva naturale di glutatione nei nostri corpi. Questo è ciò che ci dà un forte sistema immunitario.

Quando i livelli di glutatione sono alti nel corpo, non abbiamo problemi e il nostro sistema immunitario funziona bene. Ma quando la quantità di ossido di grafene nel corpo supera la quantità di glutatione, provoca il collasso del sistema immunitario e innesca una tempesta di citochine. Il modo in cui l’ossido di grafene può crescere rapidamente per superare il glutatione nel corpo è l’eccitazione elettronica. Cioè, i campi elettromagnetici che bombardano il grafene per ossidarlo, innescando rapidamente la malattia.

All’età di 65 anni i livelli di glutatione cadono drasticamente nel corpo. Questo può spiegare perché la popolazione più colpita dal Covid-19 sono gli anziani. I livelli di glutatione sono anche molto bassi nelle persone con condizioni preesistenti come diabete, obesità, ecc. Allo stesso modo, i livelli di glutatione sono molto alti nei neonati, nei bambini e negli atleti. Questo può spiegare perché il Covid-19 non ha colpito queste persone.

L’ossido di grafene quando ossidato o attivato da specifiche frequenze EMF supera la capacità del corpo di creare abbastanza glutatione, che distrugge il sistema immunitario e provoca la malattia. In caso di malattia (come i sintomi del Covid e tutte le “varianti”) è necessario aumentare i livelli di glutatione nell’organismo per far fronte alla tossina (ossido di grafene) che è stata introdotta o attivata elettricamente.

Pazienti Covid intubati in terapia intensiva guariti in poche ore se trattati con glutatione e NAC, esempio di Ricardo Delgado

“Abbiamo assistito a studi clinici con centinaia di pazienti che erano in terapia intensiva, con respiratore e intubati, praticamente sull’orlo della morte. Con polmoniti bilaterali causate dalla diffusione dell’ossido di grafene e dalla successiva radiazione 5G nelle placche polmonari. Ebbene, questa colorazione diffusa in questi pazienti è simmetrica, cosa che non accadrebbe con un agente biologico poiché sarebbe piuttosto asimmetrica, come ad esempio quando c’è un’infezione da pneumococco, giusto? Bene, in quel caso una macchia diffusa di solito appare in una parte del polmone, ma non in un’altra, non in entrambi simmetricamente. Quindi, quando trattati con glutatione per via endovenosa diretta – o anche per via orale – o con N-acetilcisteina (NAC) 600 mg o dosi superiori, le persone in poche ore hanno iniziato a recuperare la saturazione di ossigeno “- Ricardo Delgado,  La Quinta Colmuna

La N-acetilcisteina (“NAC”) è un integratore che induce l’organismo a produrre glutatione, è noto come il precursore del glutatione e induce l’organismo a secernere glutatione per via endogena, proprio come accade quando si fa sport intensamente. NAC deriva dall’aminoacido L-cisteina e viene utilizzato dall’organismo per costruire antiossidanti. Gli antiossidanti sono vitamine, minerali e altri nutrienti che proteggono e riparano le cellule dai danni. Puoi ottenere NAC come integratore o farmaco da prescrizione.


ISCRIVITI A DANWEBSITE


Lo zinco in combinazione con NAC sono antiossidanti essenziali utilizzati per degradare l’ossido di grafene. Ricardo Delgado afferma che con questi due antiossidanti ha aiutato personalmente le persone colpite dal magnetismo dopo l’inoculazione. Questo è nelle persone con due dosi di Pfizer che sono diventate magnetiche e dopo questi integratori non hanno più questo sintomo.

Altri integratori che possono essere assunti per aiutare nella rimozione dell’ossido di grafene sono:

  • Astaxantina
  • Melatonina
  • Cardo mariano
  • Quercetina
  • Vitamina C
  • Vitamina D3

Per ulteriori informazioni su questi supplementi per la rimozione dell’ossido di grafene, vedere questo LINK .

Comprendere la connessione tra campi elettromagnetici, 5G, ossido di grafene, idrogel e Covid

L’ossido di grafene è attivato dall’EMF, in particolare dalle frequenze che fanno parte dello spettro 5G. Tutti i materiali hanno ciò che è noto come una banda di assorbimento elettronica. Una banda di assorbimento è un intervallo di lunghezze d’onda, frequenze o energie nello spettro elettromagnetico che sono caratteristiche di una particolare transizione dallo stato iniziale a quello finale in una sostanza. Questa è una frequenza specifica al di sopra della quale una sostanza viene eccitata e si ossida molto rapidamente. Le frequenze trasmesse agli esseri umani che hanno un accumulo di ossido di grafene nel loro corpo possono far sì che l’ossido di grafene si moltiplichi molto rapidamente, rompendo l’equilibrio del glutatione e provocando una tempesta di citochine nel giro di poche ore.

L’ossido di grafene è l’ingrediente principale degli idrogel brevettati DARPASono questi idrogel che si trovano nelle iniezioni Covid, nei tamponi PCR e nelle mascherine. Un idrogel conduttivo è un materiale simile a un polimero che ha qualità e applicazioni sostanziali. Stanno sviluppando diversi tipi di idrogel conduttivi che vengono utilizzati in molte cose, nel nostro cibo, nella nostra acqua e iniettati nei nostri corpi nei vaccini. Gli idrogel conduttivi contengono nanotecnologie che si agganciano al tuo DNA e possono essere controllati da sensori 5G. Consentono la raccolta e la manipolazione del DNA. Gli idrogel conduttivi consentono di tracciare gli esseri umani. Ci sono migliaia di studi scientifici e articoli sottoposti a revisione paritaria che discutono di idrogel conduttivi. Abbiamo messo insieme un breve elenco di alcuni studi relativi come documentazione di backup.


CONSIGLIO A TUTTI IL DOWNLOAD DI UNO SCANNER IN GRADO DI LEGGERE CODICI RFID O EMF / QUI: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.macdom.ble.blescanner


Riepilogo delle caratteristiche della nanotecnologia di idrogel e punti quantici: fare clic per scaricare

È da questi studi che possiamo riassumere alcune delle caratteristiche degli idrogel conduttivi.

Caratteristiche degli idrogel conduttivi: autoriparabilità, conduttività elettrica, trasparenza, resistenza al congelamento, allungamento, autorigenerazione, reattività agli stimoli, il che significa che fa determinate cose quando il 5G lo colpisce (o altre frequenze per quella materia).

Siamo circondati dalle radiazioni EMF di telefoni cellulari (o cellulari), TV e Wi-Fi. Molte aree stanno anche accendendo il 5G e sono state fatte indagini che mostrano la correlazione tra le reti 5G e i focolai Covid in un’area. Per proteggersi al meglio dall’avvelenamento da ossido di grafene e dall’attivazione dell’ossido di grafene nel tuo corpo, è necessario fare diverse cose per limitare l’esposizione ai campi elettromagnetici.

Alcuni suggerimenti su come farlo includono: non vivere in una città con molte torri se puoi farne a meno, spegni il Wi-Fi di notte e stai lontano da contatori intelligenti e altri dispositivi intelligenti, se possibile. Un’altra opzione consiste nell’utilizzare prodotti di protezione dai campi elettromagnetici come dispositivi a energia orgonica per aiutare a trasformare le radiazioni elettromagnetiche per mitigare gli effetti dannosi.

Energia orgonica, protezione EMF e ossido di grafene

Poiché l’ossido di grafene viene attivato dall’EMF, si desidera creare una barriera protettiva nell’ambiente circostante che mitighi l’EMF in modo che non attivi l’ossido di grafene. Negli anni ’30 è stata fatta una scoperta che può essere applicata oggi per aiutare con la protezione dai campi elettromagnetici. Durante una serie di esperimenti, il defunto dottor Wilhelm Reich scoprì che campioni viventi posti all’interno di contenitori fatti di strati alternati di acciaio e materiale organico non conduttivo erano in grado di sfruttare la sana “energia cosmica” dall’ambiente. Ha chiamato questa energia “orgone”. Questi accumulatori di orgoni avevano la capacità di: conservare i campioni di sangue per periodi di tempo più lunghi; germogliare piantine di piante più sane; e, fornire sollievo dal dolore per i suoi pazienti che si sono seduti al loro interno.

Oggi, invece di utilizzare fogli di acciaio e plastica, utilizziamo un composito composto da una miscela di ossido di ferro, acciaio, ottone, shungite e polveri di cristallo racchiuse in resina epossidica. Il risultato finale è un armonizzatore in grado di trasformare i campi wireless dannosi provenienti da ripetitori cellulari, contatori intelligenti, smartphone, router Internet e televisione, in energia più benefica per te, le tue piante e animali domestici. Gli effetti di questo fenomeno scientifico sono stati replicati e ben documentati negli studi condotti dall’Università della Pennsylvania e dal laboratorio di ricerca Heraclitus Microscopic.

Sorprendente somiglianza tra l’analisi del sangue del Reich e i recenti campioni di sangue EMF di ossido di grafene

Lo studio più eclatante alla luce delle recenti scoperte dell’ossido di grafene si trova nel “ Reich Blood Test ” eseguito dal Laboratorio di ricerca microscopica di Eraclito . In questo test, mostrano l’efficacia che l’energia orgonica ha sul sangue. Hanno prelevato due campioni di sangue e ne hanno messo uno in una scatola di controllo e l’altro in una scatola di energia orgonica. Nel corso del tempo hanno scattato foto microscopiche dei campioni di sangue e hanno visto che il campione di energia orgonica era in grado di mantenere la sua forza vitale per un periodo di tempo più lungo (era come la fontana della giovinezza per il sangue).

Quando un globulo rosso ha difetti e inizia a morire, possono sviluppare qualcosa chiamato formazione di acantociti, in cui più proiezioni appuntite di varie lunghezze sporgono dalla cellula. Le immagini sottostanti mostrano come appare quando un globulo muore.

Analisi del sangue sperimentale del Reich – Disintegrazione del sangue

Cellule del sangue in decomposizione che si formano in quelli che il Dr. Reich chiamava “bion” dal lavoro del Reich Blood Test svolto da Hericlitus Labs.

Esame del sangue dell’energia orgonica, 30 settembre 2020 (23 minuti)
Morte improvvisa di tantissimi atleti.

Queste diapositive sopra mostrano la disintegrazione bionica della materia vivente e non vivente. La cellula più sana ha una membrana più solida con una luce blu intorno. Questa luce blu è in realtà la forza vitale o “Aura” della cellula. È ciò che il Dr. Reich chiamava energia “orgonica”. Quando la cellula muore e si disintegra, la parete della membrana forma sporgenze appuntite che ne escono.

Le nanoparticelle a base di ossido di grafene utilizzate nelle iniezioni di Covid sono progettate per penetrare nella membrana delle cellule per farvi entrare l’mRNA. Questa costante penetrazione della parete della membrana cellulare potrebbe essere la causa di queste deformità della membrana. Secondo A Laboratory Guide to Clinical Hematology presso l’Open Education of Alberta:

“La formazione di acantociti si verifica a seguito di difetti di membrana ereditari o acquisiti. Difetti che causano uno squilibrio tra il colesterolo di membrana e il contenuto lipidico che influiscono sulla capacità dei globuli rossi di deformarsi con conseguente membrana plasmatica più rigida”

Ora, l’immagine mostrata di seguito è tratta da un recente [aggiornato 1 ottobre 2021] analisi del sangue dal Dr. Robert Young .

La sua conclusione è che ciò che stiamo vedendo in queste cellule del sangue è dovuto all’effetto di avvelenamento da radiazioni EMF, avvelenamento da ossido di grafene. Egli chiama la formazione delle membrane delle cellule del sangue “effetto corona” e “effetto proteina spike”.

La microscopia elettronica a scansione e trasmissione rivela l’ossido di grafene nei vaccini CoV-19

Questo sembra identico al comportamento dei globuli morenti nell’esperimento Reich Blood Test. Quello che vediamo qui sono cellule che sono state avvelenate e stanno morendo. Vediamo anche la formazione della proteina spike nell’ultima diapositiva.

Una scoperta sorprendente si trova nel test del sangue del Reich che mostra come i dispositivi energetici orgonici rallentano e arrestano questo decadimento delle cellule del sangue. Questo sta dimostrando, a livello cellulare, come i dispositivi di energia orgonica proteggano il corpo umano dai dannosi campi elettromagnetici.

La diapositiva seguente mostra i risultati del test del sangue di Reich. Il campione a sinistra è quello che si trovava all’interno della scatola dell’accumulatore di orgoni. Il tasso di morte e decadimento cellulare è del 5%. Il campione a destra è quello che non era nella scatola dell’accumulatore di orgone. Il tasso di decadimento è del 50%. Chiaramente, l’energia orgonica sta facendo qualcosa per aiutare a preservare la forza vitale e la salute del sangue.

FONTE: https://expose-news.com/


ISCRIVITI A DANWEBSITE


Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

2 pensieri su “Come rimuovere l’ossido di grafene, l’ingrediente pericoloso e non divulgato nei vaccini COVID, dal corpo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...