Il rogo dei libri è la dittatura nell’editoria, e non solo, nella Cina di Xi Jinping

Un romanzo di un milione di parole è stato censurato prima ancora di essere condiviso. Dopo che una scrittrice è stata bloccata fuori dal suo romanzo, prima che fosse pubblicato, per aver incluso contenuti illegali, gli utenti web cinesi si stanno chiedendo fino a che punto arriva la censura dello stato.

Immagina di lavorare al tuo romanzo sul tuo computer di casa. È quasi finito; hai già scritto circa un milione di parole. All’improvviso, il software di elaborazione testi online ti dice che non puoi più aprire la bozza perché contiene informazioni illegali. In un istante, tutte le tue parole sono perse.

Questo è ciò che è successo a giugno a un romanziere cinese che scriveva sotto lo pseudonimo di Mitu. Aveva lavorato con WPS, una versione domestica di software di elaborazione testi basato su cloud come Google Docs o Microsoft Office 365. Nel forum di letteratura cinese Lkong il 25 giugno, Mitu ha accusato WPS di “spiare e bloccare la mia bozza”, citando la presenza di contenuti illegali. Diversi altri romanzieri affermano che sono state bloccate le loro bozze per ragioni poco chiare in passato.

La notizia è esplosa sui social media l’11 luglio dopo che alcuni importanti account di influencer l’hanno ripresa tardivamente. Quel giorno è diventato l’argomento top trend su Weibo, con gli utenti che si chiedono se WPS stia violando la loro privacy. Da allora, The Economic Observer, una pubblicazione cinese, ha riferito che in passato molti altri romanzieri online hanno bloccato le loro bozze per ragioni poco chiare.

La denuncia di Mitu ha innescato una discussione sui social media in Cina sulla censura e la responsabilità della piattaforma tecnologica. Ha anche evidenziato la tensione tra la crescente consapevolezza degli utenti cinesi sulla privacy e l’obbligo delle aziende tecnologiche di censurare per conto del governo.

Anche per gli utenti cinesi di Internet, abituati a severe leggi sulla censura, questo sembra un passo troppo avanti. Fino a questo mese, la maggior parte degli utenti cinesi credevano che i propri file, circolati solo tra amici e familiari, non avrebbero ricevuto la stessa attenzione e monitoraggio finché sarebbero rimasti oscuri.

CGli utenti potrebbero non essere contenti, ma la pratica di WPS di rivedere tutti i documenti degli utenti (se è ciò che sta accadendo) è probabilmente consentita dalla legge cinese sulla sicurezza informatica”, ha affermato Nunlist. Tutti i fornitori di servizi Internet sono obbligati a cancellare e bloccare i contenuti sulla loro piattaforma “dopo aver scoperto informazioni di cui la legge o i regolamenti amministrativi vietano la pubblicazione o la trasmissione”, afferma l’articolo 47 della legge .

La Cina ha bandito per decenni centinaia di libri, opere d’arte e qualsiasi altra opera ritenuta anti-PCC, dal Dipartimento centrale della pubblicità (CPD) del Partito Comunista, che cerca di rafforzare lo stato autoritario necessario per controllare la narrativa globale determinando se i libri sono approvati, alterati o addirittura banditi.

C’è sempre stata contesa su ciò che può essere pubblicato in Cina, ma negli ultimi anni l’elenco degli argomenti ritenuti sensibili è cresciuto fino a estremi quasi ridicoli, con il Sydney Morning Herald che ha riferito che un elenco di “parole chiave da avvisare” è stato distribuito agli editori. Questo elenco include qualsiasi menzione dei cosiddetti “incidenti politici” , comprese le proteste pro-democrazia, i movimenti indipendentisti o le proteste di piazza Tienanmen del 1989 insieme a “qualsiasi cosa relativa alle icone politiche cinesi nella storia recente”. Qualsiasi libro che infrange queste rigide regole sarà soggetto a “divieto” da parte del CPD. Questo non include l’elenco degli articoli sensibili che richiedono un controllo prima della produzione, comprese le menzioni della maggior parte delle principali religioni, argomenti sessuali e molte località cinesi, attuali o precedenti.

Il New York Times, il Sydney Morning Herald e la Foreign Policy riportano tutti che mentre queste restrizioni esistono in teoria da decenni, c’è stata un’improvvisa e violenta escalation da parte del PCC di Xi Jinping.


ISCRIVITI A DANWEBSITE


Regolamento sull’amministrazione della qualità del libro

Il 1° marzo 2005 è entrato in vigore il Nuovo Regolamento sull’Amministrazione della Qualità del Libro. Secondo un rapporto del People’s Daily , un cambiamento significativo rispetto alle precedenti regole del 1997 era che i nuovi regolamenti specificano che gli editori non solo non devono ristampare libri che non sono conformi ai requisiti di qualità imposti dal governo, ma le autorità devono anche confiscare le copie già vendute.

Uno dei fattori nel determinare se un libro soddisfa gli standard di qualità è se i suoi contenuti violano o meno l’articolo 26 dei regolamenti cinesi sull’amministrazione dell’editoria. Quell’articolo include vaghi divieti di pubblicare libri con contenuti che:

  • opporsi ai principi fondamentali sanciti dalla Costituzione;
  • danneggiare l’onore o gli interessi della Cina;
  • propagare culti malvagi o superstizioni; o
  • disturbare l’ordine sociale, sconvolgendo la stabilità sociale.

Provvedimenti come questi sono stati utilizzati per imprigionare dozzine di scrittori, giornalisti e persone che tentano di praticare religioni non ufficialmente riconosciute dal governo cinese e generalmente incoraggiano l’autocensura tra i cittadini cinesi.

Le persone in Cina possono pubblicare solo con l’autorizzazione del governo e, in base ai regolamenti, a chiunque sia direttamente responsabile della produzione di tre libri non idonei in un solo anno, o di qualsiasi libro non idoneo per due anni consecutivi, sarà revocata l’autorizzazione del governo dal proprio locale ufficio stampa e pubblicazione e non può dedicarsi all’editoria per tre anni.

Leggi anche: https://danwebsite.com/2022/07/15/come-rimuovere-lossido-di-grafene-lingrediente-pericoloso-e-non-divulgato-nei-vaccini-covid-dal-corpo/

La legge cinese sulla sicurezza informatica

La legge cinese sulla sicurezza informatica richiede inoltre agli operatori di rete di vietare i contenuti secondo linee simili ai regolamenti sull’amministrazione della qualità dei libri.

Gli operatori di rete sono ufficialmente tenuti a censurare i contenuti e rimuovere qualsiasi materiale proibito. La legge prevede che “ogni persona e organizzazione, nell’utilizzare la rete, si attiene alla Costituzione e alle leggi, osserva l’ordine pubblico e rispetta la morale sociale”.

Si estende ulteriormente a ciò che è considerato contenuto illegale da diffondere online: “attività che danneggiano la sicurezza nazionale, propagazione del terrorismo e dell’estremismo, incitamento all’odio etnico e alla discriminazione etnica, diffusione di informazioni oscene e sessuali, diffamazione, turbamento dell’ordine sociale, danno nell’interesse pubblico, violazione della proprietà intellettuale di altre persone o altri diritti e interessi legittimi”.

Erano passati poco più di quattro mesi dall’ascesa al potere di Adolf Hitler quando, il 10 maggio 1933, a Berlino e in altre città tedesche ebbero luogo le Bücherverbrennungen, i roghi dei libri ⬇️

Libro in fiamme

Come Mao Zedong, Xi Jinping ha continuato molte delle pratiche messe in atto per censurare i media e la letteratura dalla Rivoluzione culturale. Xi ha continuato a vietare i libri nella Cina continentale e a Hong Kong che sono considerati “politicamente scorretti”.

Come Mao, Xi ha specificamente preso di mira le biblioteche per censurare libri e libri di testo a favore della “democrazia” nelle scuole , il tutto per promuovere “il patriottismo e la purezza ideologica nel sistema educativo”. Nel 2020, quando le scuole in Cina hanno riaperto dopo “l’epidemia di Covid” , una direttiva dell’ottobre 2019 del Ministero dell’Istruzione ha invitato le scuole elementari e medie a ripulire i libri dalle loro biblioteche, comprese le opere “illegali” e “inappropriate” (vedere immagine più in basso). Dalla provincia occidentale del Gansu a Shanghai, la revisione delle misure annunciate pubblicamente ha indicato che centinaia di migliaia di libri sono stati cancellati. La censura in Cina si è intensificata sotto Xi, ma gli analisti hanno affermato che questa è stata la prima campagna nazionale rivolta alle biblioteche da decenni.

Nel 2019, Xi Jinping è stato preso di mira per aver ripreso la pratica di bruciare libri , quando una biblioteca è stata sorpresa dalla stampa locale che bruciava libri nella Cina nord-occidentale. Le leggi messe in atto dal Ministero dell’Istruzione di Xi hanno concesso alle biblioteche il permesso di “ripulire” i libri che promuovevano “prospettive e valori globali errati”, portando a rogo libri in tutta la Cina.

Ora, a quanto pare, i libri vengono bruciati, con l’aiuto dei fornitori di servizi Internet, prima ancora di essere pubblicati.

paypal-logo-1-3

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...