Flashback: con le loro stesse parole gli allarmisti climatici rivelano che il loro “cambiamento climatico” è una bufala

Nel 2013, Forbes ha pubblicato un articolo illuminante scritto da Larry Bell che ha utilizzato le citazioni di “Climate Alarmists” per rivelare la verità sull’agenda del cambiamento climatico.

Bell iniziò con una citazione dell’allora presidente Barack Obama che aveva messo la salvezza dalle terribili catastrofi climatiche nella sua hot list dell’agenda d’azione. “Alcuni possono ancora negare il giudizio schiacciante della scienza, ma nessuno può evitare l’impatto devastante di incendi violenti, siccità paralizzante e potenti tempeste”, ha detto Obama.

“Quanti di coloro che alimentano gli allarmi per il riscaldamento globale hanno vera fiducia in quella ‘scienza’. Esaminiamo brevemente solo alcuni commenti sinceri che alcuni di loro hanno offerto su questo argomento. Questi sono solo un piccolo campione dei miei preferiti”, ha scritto Larry Bell. “È passato il tempo per rendersi conto che niente di tutto questo riguarda davvero la protezione del pianeta dai cambiamenti climatici causati dall’uomo. Non lo è mai stato”.

Larry Bell è professore a contratto di architettura spaziale presso l’Università di Houston, dove ha fondato il Sasakawa International Center for Space Architecture (“SICSA”) e il Graduate Program in Space Architecture. È anche un consulente politico non retribuito sulla politica climatica e ambientale per The Heartland Institute. 

Quelli che seguono sono estratti dall’articolo di Bell intitolato Con le loro stesse parole: gli allarmisti climatici sfatano la loro “scienza” . E potrebbe essere che siamo eccessivamente scettici ma, poiché questo è il tipo di articolo che potrebbe essere preso di mira in una versione Internet di “masterizzazione di libri”, abbiamo scaricato una copia di questo articolo e l’abbiamo allegato di seguito.

SCARICA QUI L’ARTICOLO DI Bell ⬇️

Potrebbe essere appropriato correggere alcune idee sbagliate generali prima di tornare a quel “giudizio schiacciante della scienza”, iniziò Bell.

Per quanto riguarda gli incendi, ad esempio, il loro numero dal 1950 è diminuito a livello globale del 15%. Secondo la National Academy of Sciences, probabilmente continueranno a diminuire fino a circa la metà del secolo.

Per quanto riguarda quelle siccità,  un recente studio pubblicato nella lettera della rivista  Nature  indica che a livello globale,  “… c’è stato un piccolo cambiamento nella siccità negli ultimi 60 anni. 

Inoltre, a proposito, l’attività globale degli uragani, misurata in energia totale (Accumulated Cyclone Energy),  è in realtà a un livello minimo che non si incontrava dagli anni ’70 .

Con le loro stesse parole: gli allarmisti climatici sfatano la loro “scienza” , Larry Bell, 5 febbraio 2013

Come ha osservato Bell, praticamente tutti coloro che Obama ha affermato di “negare” la “scienza travolgente”, in effetti, riconoscono che il clima cambia davvero. Dopotutto, “se il clima non cambiasse, avremmo bisogno anche di una parola per questo?”

Il problema più grande, ha scritto Bell, ha a che fare con quanti di coloro che alimentano gli allarmi per il riscaldamento globale hanno una vera fiducia in quella “scienza”. 

Come l’allarmismo climatico fa avanzare le agende politiche internazionali

Un’osservazione di Maurice Strong, che ha organizzato il primo Summit delle Nazioni Unite sul clima terrestre (1992) a Rio de Janeiro, in Brasile,  ha rivelato il vero obiettivo: 

“Potremmo arrivare al punto in cui l’unico modo per salvare il mondo sarà il collasso della civiltà industrializzata”.

L’ex senatore degli Stati Uniti Timothy Wirth (D-CO), che allora rappresentava l’amministrazione Clinton-Gore come sottosegretario di stato americano per le questioni globali, rivolgendosi allo stesso pubblico del Vertice di Rio sul clima,  ha convenuto : 

“Dobbiamo affrontare il problema del riscaldamento globale. Anche se la teoria del riscaldamento globale è sbagliata, faremo la cosa giusta in termini di politica economica e politica ambientale”.  (Wirth ora dirige la Fondazione delle Nazioni Unite che fa pressioni per centinaia di miliardi di dollari dei contribuenti statunitensi per aiutare i paesi sottosviluppati a combattere il cambiamento climatico.)

Parlando anche egli alla conferenza di Rio, il vice assistente di Stato Richard Benedick, che allora dirigeva le divisioni politiche del Dipartimento di Stato americano, ha  dichiarato : 

“Un trattato sul riscaldamento globale [Kyoto] deve essere attuato anche se non ci sono prove scientifiche a sostegno dell’effetto serra [potenziato]”.

Nel 1988, l’ex ministro canadese dell’ambiente disse a editori e giornalisti del  Calgary Herald :

“Non importa se la scienza del riscaldamento globale è tutta fasulla… il cambiamento climatico [fornisce] la più grande opportunità per realizzare giustizia e uguaglianza nel mondo”.

Nel 1996, l’ex presidente dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbaciov  ha sottolineato l’importanza  di utilizzare l’allarmismo climatico per promuovere gli obiettivi del marxismo socialista:

“La minaccia di una crisi ambientale sarà la chiave del disastro internazionale per sbloccare il Nuovo Ordine Mondiale”.

Intervenendo alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutasi nel 2000 all’Aia, l’ex presidente francese Jacques Chirac ha spiegato perché l’iniziativa sul clima dell’IPCC ha sostenuto un obiettivo chiave del Protocollo di Kyoto dell’Europa occidentale:

“Per la prima volta, l’umanità sta istituendo un vero strumento di governance globale, che dovrebbe trovare un posto all’interno dell’Organizzazione mondiale dell’ambiente che la Francia e l’Unione europea vorrebbero vedessero istituita”.

Come alcuni ricercatori chiave dell’IPCC vedono la loro scienza

Per cominciare, iniziamo con due diversi punti di vista di alcuni degli stessi ricercatori che sono stati riportati nello stesso anno in merito all’esistenza di un’influenza umana distinguibile sul clima globale.

Innanzitutto, tratto da un riassunto del rapporto IPCC del 1996 scritto da BD Santer, TML Wigley, TP Barnett ed E. Anyamba: 

“… ci sono prove di un modello emergente di risposta climatica alle forze di gas serra e aerosol di solfato … da modelli geografici, stagionali e verticali di cambiamento di temperatura … Questi risultati indicano l’influenza umana sul clima”.

Quindi, una pubblicazione del 1996 “The Holocene”, di TP Barnett, BD Santer, PD Jones, RS Bradley e KR Briffa, dice questo: 

“Le stime di… variabilità naturale sono fondamentali per il problema di rilevare un segnale antropogenico [umano]… Abbiamo stimato lo spettro… da parametri di paleotemperatura e lo abbiamo confrontato con… modelli di circolazione [climatica] generali… nessuna delle tre stime della variabilità naturale spettro sono d’accordo tra loro… Finché… non sarà risolto, sarà difficile dire, con sicurezza, che un segnale climatico antropogenico sia stato rilevato o meno”.

In altre parole, questi ragazzi, molti dei quali sentirete parlare in seguito, non possono dire con sicurezza se gli umani abbiano avuto o meno alcuna influenza… o anche se è così, se ha causato riscaldamento o raffreddamento!

Il funzionario dell’IPCC Ottmar Edenhofer, parlando nel novembre 2010, ha  consigliato che : 

“…bisogna liberarsi dall’illusione che la politica climatica internazionale sia politica ambientale. Invece, la politica sui cambiamenti climatici riguarda il modo in cui ridistribuiamo de facto la ricchezza mondiale…”

Il compianto Stephen Schneider, autore  di The Genesis Strategy , un libro del 1976 in cui avverte che i rischi di raffreddamento globale rappresentavano una minaccia per l’umanità, in seguito ha cambiato quella visione di 180 gradi, fungendo da autore principale per parti importanti di tre rapporti sequenziali dell’IPCC. In una citazione pubblicata su  Discover , ha detto: 

“Da un lato, come scienziati, siamo eticamente legati al metodo scientifico, dall’altro non siamo solo scienziati, ma anche esseri umani. E come la maggior parte delle persone, vorremmo vedere il mondo un posto migliore, che in questo contesto si traduce nel nostro lavoro per ridurre il rischio di cambiamenti climatici potenzialmente disastrosi. Per farlo, abbiamo bisogno di ottenere un supporto ad ampio raggio, per catturare l’immaginazione del pubblico. Ciò, ovviamente, implica ottenere un sacco di copertura mediatica. Quindi, dobbiamo offrire scenari spaventosi, fare affermazioni semplificate e drammatiche e fare poca menzione dei dubbi che potremmo avere. Ognuno di noi deve decidere quale sia il giusto equilibrio tra essere efficaci ed essere onesti”.

Kevin Trenberth, uno degli autori principali dei capitoli del rapporto IPCC del 2001 e del 2007, scrivendo in un blog del 2007 “Predictions of Climate” apparso sulla rivista scientifica  Nature.com ,  ha ammesso : 

“Nessuno dei modelli utilizzati dall’IPCC è inizializzato allo stato osservato e nessuno degli stati climatici nei modelli corrisponde nemmeno lontanamente all’attuale stato osservato”.

Christopher Landsea, uno dei massimi esperti in materia di cicloni, è rimasto sbalordito e perplesso quando è stato informato che Trenberth aveva partecipato a una conferenza stampa del 2004 a seguito di una micidiale stagione delle tempeste in Florida che aveva annunciato: “Gli esperti avvertono che il riscaldamento globale [è] probabile che continuerà a stimolare altri focolai di intensa attività”. Poiché gli studi dell’IPCC pubblicati nel 1995 e nel 2001 non avevano trovato prove di un collegamento tra riscaldamento globale e uragano e non c’erano nuove analisi che suggerissero il contrario, scrisse ai principali funzionari dell’IPCC implorando:

“Quali pubblicazioni scientifiche e referenziate confermano queste affermazioni? Quali studi alludevano per aver mostrato una connessione tra le tendenze di riscaldamento osservate sulla Terra e le tendenze a lungo termine dell’attività dei cicloni?”

Non ricevendo risposte, ha quindi chiesto l’assicurazione che il rapporto del 2007 avrebbe presentato la vera scienza,  dicendo : 

“[Dott. Trenberth] sembra essere giunto alla conclusione che il riscaldamento globale ha alterato l’attività degli uragani, e lo ha già affermato. Ciò non riflette il consenso all’interno della comunità di ricerca sugli uragani”. 

Dopo che tale assicurazione non è arrivata, Landsea, un autore invitato, si è dimesso dall’attività di relazione del 2007 e ha emesso una lettera aperta presentando le sue ragioni.

Alcuni commenti e-mail interessanti su Climate Gate

Bell estrae vari commenti rivelatori da due fonti: Climategate 2.0 , Jeff Id, 22 novembre 2011 e globalwarming.org FOIA 2011 , novembre 2011 (Scarica file zip). Per dare un assaggio di quanto siano dannose queste ammissioni private, ne abbiamo incluse due di seguito:

Tom Wigley e Trenberth del National Center for Atmospheric Research hanno suggerito in una e-mail a Michael Mann, che è stato coautore del famigerato foglio di mazza da hockey che è stato descritto in influenti rapporti dell’IPCC: 

“Se pensi che il professore di Yale James Saiers sia nel campo degli scettici sulle serre, allora, se riusciamo a trovare prove documentali di ciò, potremmo passare attraverso i canali ufficiali [dell’American Geophysical Union] per farlo espellere [come redattore-in- capo della rivista Geophysical Research Letters]”.

Una comunicazione del luglio 2004 di Phil Jones a Mann si riferiva a due articoli recentemente pubblicati su  Climate Research  con un argomento “ALTAMENTE RISERVATO” osservato: 

“Non riesco a vedere nessuno di questi documenti nel prossimo rapporto dell’IPCC. Kevin Trenberth e io li terremo fuori in qualche modo, anche se dovremo ridefinire quale sia la letteratura sulla revisione tra pari”.

Dopo aver dimostrato i costi dell’ideologia mascherata da scienza, Bell ha concluso:

“ È passato molto tempo per rendersi conto che niente di tutto questo riguarda davvero la protezione del pianeta dai cambiamenti climatici causati dall’uomo. Non lo è mai stato”.

Incoraggiamo tutti a leggere l’articolo di Bell per intero, in particolare coloro che credono all’attuale narrativa sul cambiamento climatico che viene ampiamente pubblicizzata dai media aziendali.

Fonte: https://expose-news.com/

paypal-logo-1-4

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...