Polizia politica: media indipendenti arrestati e sotto processo in Galles

Il seguente articolo è stato tradotto interamente e senza alcuna modifica dal sito:

https://expose-news.com/

La prossima settimana vedrà l’inizio di un’altra settimana oscura nella Repubblica socialista popolare del Galles, ha scritto Voice of Wales (“VoW”). A partire dal 10 agosto, i giornalisti di VoW dovrebbero comparire davanti al tribunale di Newport Crown in un processo farsa della durata di tre giorni.

Dan Morgan e Stan Robinson, Voice of Wales.

VoW, ospitato da Dan Morgan e Stan Robinson, ha iniziato a trasmettere su YouTube nel luglio 2020 “dando voce alle persone non rappresentate dai media mainstream”. A febbraio 2021, la macchina di propaganda dell’establishment li aveva raggiunti, come descritto da QUESTO articolo della BBC . YouTube aveva rimosso alcuni dei suoi video e demonetizzato altri. All’epoca, VoW aveva più di 5.000 iscritti e più di 350.000 visualizzazioni. Puoi seguire Voice of Wales su Rumble QUI .

A gennaio, Morgan e Robinson sono stati arrestati mentre riferivano di una protesta. Gli arresti sono avvenuti nonostante i due fossero noti alla polizia come giornalisti. Trascorsero trentasei ore in custodia presso la stazione di polizia di Newport. Al loro rilascio, una delle cinque condizioni di libertà su cauzione imponeva che non dovessero associarsi l’un l’altro. 

Un’altra condizione per la cauzione era che Morgan e Robinson non avrebbero dovuto frequentare nessun centro di vaccinazione contro il covid in Inghilterra o Galles a meno che non si stessero facendo “vaccinare” loro stessi.

A febbraio, tutte le condizioni di cauzione sono state revocate.

“In tutto il mondo i giornalisti vengono arrestati e incarcerati ingiustamente perché, secondo la polizia, bisogna essere ‘giornalisti accreditati’. Accreditato, da chi? Le stesse persone che commettono questa tirannia globale. Chi dovrebbe dire alle persone cosa possono e non possono leggere, vedere o pensare? Di certo non i capi della polizia gallese o il commissario al crimine. Non il governo gallese o Drakeford. L’attacco a Voice of Wales è stato un attacco alla nostra democrazia e i responsabili dovrebbero essere chiamati a rispondere”, ha scritto VoW.



Per darvi un background sul caso, a gennaio, Voice of Wales è stato informato di un gruppo di persone che intendevano presentare documenti in un centro vaccinale a Cwmbran per sollevare preoccupazioni sui pericolosi effetti collaterali del vaccino. Volevano che la polizia partecipasse con loro per facilitare una protesta pacifica. Questo è stato il primo centro vaccinale in Galles dove si stava svolgendo e Voice of Wales è stato invitato a presentarsi con breve preavviso per riferire.

Clicca sull’immagine qui sotto per vedere il video su Rumble .

Voce del Galles: Cwmbran Stadium, 21 gennaio 2022 (2 minuti)

Il giorno in cui il gruppo ha cercato di contattare la polizia effettuando ripetute telefonate per informarli delle loro intenzioni, la polizia ha detto ai manifestanti che non avrebbero partecipato. I tre manifestanti filmati dai giornalisti di VoW si sono recati al centro vaccini per “scontare i giornali”. Il gruppo era calmo e pacifico, non causando problemi al personale durante la giornata. Il personale ha telefonato alla polizia che poi è arrivata di nuovo sul posto.

Tutto è cambiato con l’arrivo dell’ispettore capo Martin Smith. L’ispettore capo Smith è arrivato e ha completamente aggravato la situazione con un atteggiamento piuttosto poco professionale e ostile. Li ha insultati definendo la loro protesta “bunkum”.

Invece di rimanere imparziale, ha preso una posizione politica. Ha invitato il gruppo a spostarsi dalla porta e a “stare in piedi nell’area designata per le proteste” indicando un’area a circa 6 metri dalla porta. Ha quindi incaricato gli agenti di polizia di scortare il gruppo in questa zona. Tutti, tranne uno del gruppo, obbedirono immediatamente e si mossero. L’ispettore capo, sentendo le obiezioni di un manifestante, è diventato isterico e in meno di un minuto ha dato ordini contraddittori al suo staff e ha ordinato l’arresto dell’intero gruppo, compresi i giornalisti di Voice of Wales .

Dan e Stan sono stati tenuti in custodia per 32 ore. Durante la loro detenzione, la polizia di Gwent ha utilizzato i documenti trovati sul gruppo per arrestare ulteriormente Dan e Stan con l’accusa di frode. Usando queste accuse, hanno quindi eseguito mandati di perquisizione agli indirizzi di casa di Dan e Stan, sequestrando qualsiasi attrezzatura della Voice of Wales. Ciò includeva 4 fotocamere, treppiedi, microfoni, telefoni e veicoli.

Dopo il rilascio di Dan e Stan, vengono consegnate le loro condizioni di libertà su cauzione, a dir poco draconiane, che limitavano la loro vita personale e la loro capacità di viaggiare e lavorare. Dopo aver chiesto un consiglio legale urgente, le condizioni che Dan e Stan dovevano affrontare erano contraddittori: “non associarsi” è stato cambiato in “non lavorare insieme” e dopo ulteriori consigli, sono state abbandonate a nuovi “ordini”.

Clicca sull’immagine qui sotto per vedere il video su Rumble .

Comunicato stampa sulla modifica delle condizioni di cauzione di Voice Of Wales, 28 febbraio 2022 (9 minuti)

Voice of Wales è fiduciosa che questo non sia altro che un processo farsa. Riteniamo che questo sia un caso motivato politicamente con l’intenzione di screditare Voice of Wales dalla sentenza della Coalizione Comunista di Cardiff. Sono arrabbiati per il fatto che abbiamo osato mettere in discussione la legislazione e le politiche che stanno portando avanti senza alcuna consultazione pubblica. Questi includono sedicenni e cittadini stranieri a cui è concesso il diritto di voto, il Galles che diventa una nazione di santuario, educazione sessuale obbligatoria per tutti i bambini a partire dai 3 anni, polizia politica e molto altro.

È incredibile che viviamo in tempi in cui il giornalista viene arrestato, accusato e messo davanti a un giudice per aver osato denunciare. I media alternativi stanno diventando sempre più popolari perché sempre più persone sono stufe dei media mainstream che pompano propaganda costante, costringendo le persone ad accettare la loro idea di nuova normalità. Le persone sono stufe dei giornalisti che seguono la linea del partito e stampano solo ciò che il governo dice loro. La gente si sta stancando di una forza di polizia politica e la gente si sta stancando dell’indottrinamento forzato dei nostri figli.

Voice of Wales è stata fondata per colmare una lacuna nella copertura mediatica in Galles e siamo orgogliosi di affermare che non siamo pupazzi controllati dal Senedd. Copriamo tutti gli argomenti per aumentare la consapevolezza tra le nostre comunità. Non saremo intimiditi o costretti a sottometterci e gli eventi recenti ci hanno resi ancora più determinati a lavorare di più”, hanno riferito Voice of Wales.


Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...