La tirannia dell’ID digitale viene lanciata in tutto il mondo

Nuove credenziali di identità biometriche sono state proposte o lanciate in tutto il mondo mentre gli schemi di identità digitale del governo continuano a essere implementati.

In precedenza ho scritto del programma lanciato da Mastercard per consentire ai rivenditori di utilizzare metodi di pagamento biometrici, come il riconoscimento facciale e la scansione delle impronte digitali. A maggio, il programma era già attivo in cinque negozi di alimentari a San Paolo, in Brasile, con altre prove previste per l’Asia e il Medio Oriente. Mastercard ha detto che prevede di lanciarlo a livello globale entro la fine dell’anno.

Ma non sono solo le aziende private a imporre di usare la tecnologia che utilizzeranno per tracciarci, rintracciarci e controllarci. Dall’Australia alle Maldive fino all’Uganda, i governi stanno implementando gli ID digitali WEF/ONU per inaugurare uno stato di polizia digitalizzato globale. Uno stato che controllerà ogni aspetto della nostra vita.

L’Australia per “esplorare attivamente” un sistema nazionale di identificazione digitale

I ministri australiani del digitale e dei dati del governo federale (Commonwealth) e sei stati e territori hanno deciso di “esplorare attivamente” un sistema nazionale di identificazione digitale.

Negli ultimi sei anni, il governo federale ha speso circa 450 milioni di dollari per un sistema di identificazione digitale, ma è stato ritardato dalla mancanza di una legislazione per espandere il sistema nei territori, negli stati e nel settore privato.

Per saperne di più: Reclaim the Net , 4 aprile 2022

Legge sull’identità digitale affidabile dell’Australia

“Sebbene l’Australia non abbia la corrispondente infrastruttura tecnologica per utilizzare un’identità digitale al suo sinistro potenziale (come i lampioni stradali e i cartelloni pubblicitari cinesi), questo disegno di legge, intenzionale o accidentale, funge da base per un sistema di credito sociale in stile cinese”, ha scritto il senatore Malcolm Roberts .

A febbraio, il senatore Roberts ha avvertito gli australiani del disegno di legge sull’identità digitale “affidabile” in un breve video. “Il cosiddetto disegno di legge sull’identità digitale affidabile rappresenta un momento spartiacque nella storia australiana, siamo al confine tra un futuro di impresa personale libera e un’era di sorveglianza digitale”, ha affermato.

Malcolm Roberts: il disegno di legge “affidabile” sull’identità digitale blocca i controlli Covid, 1 febbraio 2022 (2 minuti)

In un discorso in Parlamento il mese scorso , il senatore Roberts ha dichiarato:

Invece di lavorare insieme per promuovere il piano del World Economic Forum di Klaus Schwab basato sulle politiche delle Nazioni Unite, lavorate invece insieme per il nostro paese. La vita di Klaus Schwab per abbonamento, citazione, è davvero servitù della gleba. È schiavitù. Le società globaliste miliardarie possederanno tutto, case, fabbriche, fattorie, automobili, mobili e cittadini comuni affitteranno ciò di cui hanno bisogno se il loro punteggio di credito sociale lo consente.

Il piano del Grande Reset è che morirai senza niente. Per portare a termine questo piano malvagio, il World Economic Forum di Klaus Schwab dovrà prendere qualcosa di più dei semplici beni materiali dagli australiani. I senatori in questa stessa camera oggi che sostengono il Great Reset minacciano la nostra privacy, libertà e dignità. Sì, sono in questa camera del senato.

Una nazione si oppone con veemenza al Great Reset, al Digital Identity, al furto dell’uso dei terreni agricoli che costringe gli agricoltori ad abbandonare la loro terra e a tutto il Great Reset.

L’Australia esplora le opzioni di ID digitale

Questa settimana, l’Australian Financial Review ha pubblicato un rapporto di analisi del vertice di revisione finanziaria per il ministero dei Servizi governativi, che sovrintende a Services Australia, Medicare, National Disability Insurance Agency e Centrelink (sicurezza sociale).

Potete leggere il rapporto QUI .

Per saperne di più: Reclaim the Net , 6 agosto 2022

Canada, i funzionari statunitensi vedono l’opportunità per l’ID digitale dopo la pandemia

Funzionari governativi in ​​Canada e negli Stati Uniti hanno dato la loro prognosi su come la pandemia di Covid abbia alterato la direzione dell’ID digitale. Il presidente del Consiglio del Tesoro canadese afferma che la pandemia è stata un acceleratore per una più ampia accettazione dell’ID digitale.

Un membro del Congresso degli Stati Uniti, Bill Foster, ha proposto una legislazione per promuovere l’ID digitale verificato come mezzo per reprimere le frodi legate alla pandemia e ha raccolto interesse in un’audizione del Congresso sulla questione.

Dopo che trilioni di dollari di aiuti legati alla pandemia sono stati dispersi negli Stati Uniti, c’è stato anche un conseguente aumento del livello di frode. Javelin Strategy & Research ha riscontrato un balzo in avanti nelle frodi durante la pandemia, per un totale di 56 miliardi di dollari nel 2020 e 52 miliardi di dollari nel 2021. Alcuni casi riguardavano dati biometrici, come parodia e maschere 2D e 3D per aggirare il riconoscimento facciale e i controlli di vitalità.

Il disegno di legge non è il primo tentativo di Foster di legiferare sull’identità digitale nazionale.

Per saperne di più: Aggiornamento biometrico , 16 giugno 2022



Il CEO della banca olandese propone di trasformare l’utilizzo del carbonio in una merce tokenizzata

Barbara Baarsma, CEO di una banca con sede nei Paesi Bassi, ha suscitato scalpore sui social media dopo aver apertamente sostenuto un sistema di crediti di carbonio in stile comunista che tasserebbe le persone per l’uso dei loro diritti di libertà di movimento.

La sua proposta di credito di carbonio è un progresso significativo verso l’implementazione di sistemi di credito sociale in linea con i famigerati obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite nella sua Agenda 2030 detti anche “obiettivi di sviluppo sostenibile” (SDG).

Gli SDG dell’Agenda 2030 sono ciò che sta dietro la spinta per impedire agli agricoltori di utilizzare fertilizzanti azotati e fungono da radice del conflitto tra gli agricoltori olandesi e il governo.

Per saperne di più: Vision Times , 6 agosto 2022

La commentatrice politica Eva Vlaardingerbroek ha parlato a GB News il 3 agosto del CEO bancario olandese che ha suggerito che dovrebbero essere introdotti “portafogli di carbonio” per regolare l’impronta di carbonio dei cittadini.

Grecia lancia il programma di identificazione digitale (4 min) – lingua inglese –

Il sistema di identità digitale dell’Unione europea è “orwelliano”

L’Unione Europea (“UE”) si sta muovendo rapidamente per adottare un sistema di identità digitale transnazionale. Tuttavia, la proposta dell’UE è stata attaccata dal Parlamento europeo diversi mesi fa per aver corso il rischio di replicare il sistema di credito sociale della Cina comunista.

Il membro del Parlamento europeo Cristian Terhes ha affermato che la mossa equivale alla “Chinafication of Europe” in cui il governo agisce come il Grande Fratello onnicomprensivo che vede tutti, tutto, ovunque.

Nel frattempo, l’UE afferma che, a differenza del sistema di credito sociale cinese, la sua piattaforma di identità digitale sarà solo volontaria.

Ma gli scettici hanno espresso dubbi in particolare dopo l’attuazione del passaporto Covid-19, che ha scatenato violente proteste in tutta Europa. Il passaporto era stato inizialmente sollecitato come soluzione volontaria e temporanea per consentire viaggi transfrontalieri “sicuri” nel mezzo della pandemia. Ora, è uno strumento obbligatorio che i funzionari dell’UE stanno pensando di estendere ulteriormente.

Per saperne di più: Nation First , 5 agosto 2022

I membri del Parlamento europeo Rob Roos e Rob Rooken hanno spiegato come funziona il cosiddetto “Portafoglio di identità digitale” dell’UE.

“Questo è ciò che faranno i governi e le grandi aziende: chiederanno più informazioni di quelle attualmente consentite. Questo svuota la nostra privacy e rende i cittadini impotenti contro il governo e le grandi aziende”.

Il portafoglio di identità digitale dell’UE è un cavallo di Troia, 24 aprile 2022 (2 minuti) – lingua inglese –

I francesi sono stufi della tirannia Covid di Macron

Nonostante l’ovvia resistenza, a pochi giorni dalla rielezione di Emmanuel Macron, la Francia ha iniziato a progredire con la quarta dose di iniezioni di Covid per tutti e ha introdotto un’app di “garanzia dell’identità digitale”.

Entrato in legge il 26 aprile con decreto, il Servizio di garanzia dell’identità digitale (“SGIN”) è in linea con una tendenza più ampia nell’Unione Europea, dove sempre più paesi hanno iniziato a introdurre il supporto per una qualche forma di ID digitale. Il Lussemburgo ha lanciato la propria app di identificazione mobile ad aprile, mentre il disegno di legge francese è stato approvato nel tentativo di conformarsi alle ultime linee guida sull’identità digitale della Commissione europea.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha subito la sua prima sconfitta parlamentare della nuova legislatura. Un disegno di legge inteso a rafforzare le restrizioni Covid prima dell’autunno è stato respinto dai tre principali partiti di opposizione.

Macron è stato rieletto presidente ad aprile. Ma pochi mesi dopo, alle elezioni parlamentari di giugno, non è riuscito a ottenere la maggioranza. A seguito di questa umiliazione, Elisabeth Borne, il primo ministro di Macron, ha cercato di consegnare le sue dimissioni. Ma Macron ha rifiutato di lasciarla andare.

Possiamo aspettarci che Macron utilizzi tutti gli strumenti a sua disposizione per aggirare la democrazia. Ma non commettere errori, questa sconfitta è una grande battuta d’arresto.

Il disegno di legge sconfitto proponeva di ripristinare alcune restrizioni Covid, in particolare al confine francese. Il suo obiettivo principale era quello di reintrodurre il “passaporto sanitario” (o passaporto per il vaccino) profondamente impopolare per i viaggiatori che entrano nel paese. All’inizio della pandemia, per entrare nei bar e negli spazi pubblici era necessario un pass sanitario.

Leggi di più: Spiked Online , 15 luglio 2022



La Grecia lancia il “portafoglio” digitale per i cittadini; Carta d’identità e patente ora sul telefono

La Grecia ha lanciato un’applicazione di portafoglio digitale per i suoi cittadini, portando l’esperienza dell’utente e i servizi in sincronia con la vita contemporanea, consentendo alle persone di portare con sé, tra l’altro, il proprio documento d’identità e la patente di guida sul proprio telefono cellulare.

La nuova applicazione “Gov.gr Wallet” che fornisce un portafoglio virtuale sui telefoni cellulari è stata lanciata a partire dal 27 luglio 2022.

Per saperne di più: Orari della città greca , 28 luglio 2022

La UK Cinema Association inizierà ad accettare l’app di identificazione digitale dal 30 maggio

I cinema nel Regno Unito introdurranno nuove carte d’identità digitali per la prova dell’età nei film per adulti.

La UK Cinema Association inizierà ad accettare l’app di identificazione digitale che conferma l’età del frequentatore di cinema.

Leggi / Guarda di più: GB News , 30 maggio 2022

Vietnam, Kenya e Filippine espandono l’uso dell’ID digitale in diversi settori

Nell’ottobre 2021, l’alta corte del Kenya ha dichiarato illegale il lancio di uno schema di identificazione biometrica noto anche come Huduma Namba.

Nella domanda di riesame giudiziario, il Katiba Institute (il ricorrente) ha affermato che i convenuti non hanno condotto una valutazione d’impatto sulla protezione dei dati (“DPIA”) che violava il KDPA e l’Ordine III della petizione del 2020. Il tribunale ha accolto le argomentazioni del ricorrente e ha ordinato lo svolgimento di una DPIA prima che venissero intrapresi ulteriori passaggi per il rilascio delle carte Huduma.

Il ministero competente ha ora ottemperato e condotto un DIPA indicando un riconoscimento dell’importanza della responsabilità per quanto riguarda i dati sensibili dei cittadini. A febbraio 2022 la valutazione non era ancora pubblica. Poiché la DPIA era l’unico requisito per procedere con l’emissione della Huduma Card, ci si aspettava che il lancio continuasse, a meno che non vengano affrontate con successo ulteriori sfide, ha scritto Future Privacy Forum nel febbraio 2022.

Leggi tutto: 3 News , 14 ottobre 2021 e Future of Privacy Forum , 8 febbraio 2022

Il governo del Vietnam ha sottolineato l’importanza della sua risorsa di dati sulla popolazione come strumento per creare un ecosistema di identità digitale in cui i cittadini possono avere accesso a una varietà di servizi pubblici.

Il Kenya ha annunciato l’intenzione di rendere presto la controversa carta d’identità digitale Huduma Namba un requisito per tutte le transazioni finanziarie digitali e nelle Filippine, gli enti pubblici e privati ​​sono stati incoraggiati ad accettare la carta PhilID come unica fonte di verità anche per l’identità delle persone come strumento di inclusione finanziaria.

Molti cittadini anziani in Uganda potranno presto richiedere le carte d’identità nazionali poiché una campagna speciale è stata lanciata dal governo per consentire loro di beneficiare di un programma di assistenza sociale.

Nel frattempo, alle Maldive, sarà presto implementato un sistema di identificazione nazionale biometrico, secondo un annuncio del governo.

Per saperne di più: Aggiornamento biometrico , 1 marzo 2022

La distopia del World Economic Forum

Il CovidPass è stato il frutto di uno dei Young Global Leaders (“YGL”) del World Economic Forum (“WEF “), Mustapha Mokass . Ha coinvolto anche altri YGL in 5 continenti, tra cui Muna AbuSulayman e Peggy Liu. CovidPass utilizza la tecnologia blockchain per archiviare i dati crittografati dei singoli esami del sangue.

Ad agosto 2020 veniva chiamato Common Pass.

Forum economico mondiale: questa soluzione digitale potrebbe riavviare i viaggi e il commercio globali, 24 agosto 2020 (4 minuti) – lingua inglese –

Nell’angolo in alto a sinistra dei video WEF c’è un logo Uplink. Uplink è la piattaforma di innovazione del WEF. Sul canale YouTube del WEF ci sono 65 video Uplink – QUI – che includono argomenti come: ID digitali sull’abbigliamento; innovazioni per combattere il Covid; la tassa sul carbonio del Costa Rica; 5 ecoimprenditori sulla lotta al cambiamento climatico; e come i mercati del carbonio possono aiutare il mondo a raggiungere lo “zero netto”.

Entro maggio 2021 il CommonPass si stava trasformando in un ” passaporto per il vaccino ” o “certificazione di conformità alla vaccinazione elettronica per i regolamenti sui valichi di frontiera”. La Danimarca stava creando un “passaporto per il vaccino” digitale Covid-19 , che doveva essere lanciato nei primi mesi del 2021.

Leggi di più: Cos’è un “passaporto per i vaccini” e ne avrai bisogno la prossima volta che viaggi? Forum economico mondiale, 5 maggio 2021

Il 7 marzo 2022, il WEF ha dichiarato: “Il Covid-19 è con noi per sempre. Ecco come dovremmo rispondere”. E ha prodotto un video con “8 cambiamenti che il mondo deve fare per convivere con il Covid”. I passaggi includono: aumentare i tassi di vaccinazione in tutto il mondo per rallentare l’emergere di varianti in tutto il mondo, i paesi dovrebbero monitorare il Covid in modo permanente, rafforzare la sorveglianza globale, affermano, per le malattie infettive e fare piani per far fronte alle future ondate di Covid.

Entro la fine di marzo, il WEF sembrava presentare apertamente al mondo un ID digitale che non era più specifico del Covid. In un articolo intitolato ” Perché una sentenza sull’ID digitale dell’Alta Corte del Kenya ha implicazioni globali per la privacy online “, il World Economic Forum ha lamentato l’implementazione non così semplice del loro ID digitale a causa della battuta d’arresto in Kenya.

“Per i paesi che implementano questi programmi, i vantaggi associati derivano da una serie di spinosi compromessi che circondano la privacy, la sicurezza e la logistica… Molti paesi continuano a confrontarsi con i confini legali, normativi ed etici dei sistemi di identificazione nazionali”, afferma il WEF in un articolo dichiarato.

Immediatamente sopra un’immagine del panorama dell’identificazione digitale, il WEF ha dichiarato: “Il caso keniota fa eco alle sfide affrontate dall’UE, dagli Stati Uniti e da altri organi di governo quando si tratta di digitalizzazione dei programmi di identificazione nazionale e le conseguenti aspettative di privacy per individui e gruppi”. 

Abbiamo diritti inalienabili non aspettative.

Perché una sentenza sull’ID digitale dell’Alta Corte del Kenya ha implicazioni globali per la privacy online , WEF, 31 marzo 2022

Il programma di identificazione digitale del Kenya, chiamato National Integrated Identity Management System (NIIMS), è stato dichiarato illegale dalla corte suprema perché non esisteva una documentazione chiara dei rischi per la privacy dei dati, né esisteva una strategia chiara per misurare, mitigare e affrontare tali rischi .

Problemi correlati in merito alla privacy e alla sicurezza dei dati sono sorti anche in altre piattaforme di identificazione digitale. Ad esempio, l’India Aadhaar è il più grande sistema di identificazione digitale biometrica del mondo.

La registrazione è collegata a dati biometrici e demografici e può connettersi a servizi tra cui carte SIM, conti bancari e programmi di aiuti governativi, rendendo i sistemi finanziari più inclusivi.

Nonostante questi vantaggi, Aadhaar ha assistito a un respingimento in termini di fattibilità e privacy.

Distopia digitale delle Nazioni Unite

Nel novembre 2020, sei mesi dopo che il WEF ha annunciato il CovidPass, le Nazioni Unite hanno annunciato la sua “soluzione pluripremiata che utilizza blockchain, biometria e dispositivi mobili” per i dipendenti: una “soluzione aziendale digitale per la gestione dell’identità digitale in tutta la famiglia delle Nazioni Unite”. Ecco cosa hanno riferito:

L’UN DSC, un progetto pilota del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) e dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), con il supporto operativo dell’UNICC, mira a creare una suite di soluzioni digitali che possono essere condivise tra le agenzie delle Nazioni Unite per trasformare operazioni aziendali comuni e semplificare le attività transazionali che richiedono tempo.

Nello spirito delle tecnologie emergenti che supportano la strategia del Segretario generale delle Nazioni Unite sulle nuove tecnologie, l’ID digitale delle Nazioni Unite sta sfruttando blockchain, biometria e mobilità, rendendo la verifica dell’identità delle Nazioni Unite efficiente, sicura, trasparente, immutabile, portatile e universale.

L’ID digitale delle Nazioni Unite è un portafoglio digitale per il personale delle Nazioni Unite, per i dati personali, delle risorse umane, medici, di viaggio, di sicurezza, delle buste paga e delle pensioni conservati nel tempo, dall’ingresso nelle Nazioni Unite fino alla partenza o al pensionamento.

Centro soluzioni digitali delle Nazioni Unite: ID digitale delle Nazioni Unite, 19 novembre 2020 – lingua inglese –


La fine del Covid: governance globale, “tirannia digitale” e agenda per lo spopolamento

L’applicazione del programma di spopolamento richiede una struttura socialmente repressiva di “governo globale” controllata dall’establishment finanziario.

Il progetto Worldwide QR Verification Code pone le basi per l’istituzione di uno “Stato di polizia globale digitalizzato” controllato dall’establishment finanziario. Fa parte di ciò che David Rockefeller intitolò “La marcia verso il governo mondiale” basato su un’alleanza di banchieri e intellettuali.

Peter Koenig descrive il codice QR come: “un ID completamente elettronico – che collega tutto a tutto di ogni individuo (documenti sanitari, bancari, personali e privati, ecc.).”

Sono inoltre in corso consultazioni tra il WEF e le banche centrali al fine di implementare una rete denominata Central Bank Digital Currency (“CBDC”). Secondo David Scripac : “È in preparazione un sistema di identificazione digitale mondiale. … L’obiettivo del WEF e di tutte le banche centrali [è] quello di implementare un sistema globale in cui i dati personali di tutti saranno incorporati nella rete della Central Bank Digital Currency (CBDC)”.

All’inizio del 2022, l’OMS ha firmato un importante contratto con Deutsche Telekom T Systems per lo sviluppo di un’app e un software di verifica QR da applicare in tutto il mondo.

La soluzione software basata su codice QR dovrebbe essere utilizzata: “anche per altre vaccinazioni, come la poliomielite o la febbre gialla, ha affermato T-Systems in una dichiarazione … aggiungendo che l’OMS sosterrà i suoi 194 Stati membri nella costruzione di misure nazionali e regionali una tecnologia di verifica”.

Secondo un comunicato dei sistemi IT di Deutsche Telekom: “Il servizio gateway dell’OMS funge anche da ponte tra i sistemi regionali”, il che essenzialmente implica una struttura globale coordinata di sorveglianza QR, che supervisiona l’intera popolazione del Pianeta Terra.

E una volta stabilito: controllerà “ogni aspetto della nostra vita”, ovunque ci troviamo. “Può anche essere utilizzato come parte di future campagne di vaccinazione e registri domiciliari”.

Per saperne di più: Global Research , 30 luglio 2022

FONTE E RIFERIMENTI:

1 https://expose-news.com/

2 https://www.weforum.org/agenda/2022/03/kenyan-supreme-court-digital-id-online-privacy/

3 https://www.biometricupdate.com/202203/vietnam-kenya-philippines-expanding-digital-id-uses-in-different-sectors

4 https://www.weforum.org/agenda/2021/05/what-is-a-vaccine-passport-and-will-you-need-one-the-next-time-you-travel/

5 https://greekcitytimes.com/2022/07/28/greece-digital-wallet-driving-license/


Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...