Il MONDO VEDE RARAMENTE IL VERO VOLTO DEL BOMBARDAMENTO ISRAELIANO DI GAZA


Questo articolo include immagini grafiche e rappresentazioni della morte.


Come promesso, DanWebsite, pubblica al 100% senza censura. Le immagini del seguente articolo sono verificate da una fonte sicura. Possono risultare forti, ma è ciò che serve per esporre questa ” feccia di usurpatori”.

QUANDO IL CESSATE il fuoco di domenica notte ha posto fine a un’offensiva israeliana di tre giorni nella striscia di Gaza, secondo i funzionari palestinesi, oltre 350 palestinesi sono rimasti feriti e 46 sono morti, inclusi 16 bambini. La copertura dei media negli Stati Uniti è stata principalmente guidata da fotografie di cieli pieni di fumo o abitanti di Gaza che camminavano tra cumuli di macerie. Sebbene le foto fossero accurate e recenti, la sicurezza di selezionare queste immagini, piuttosto che quelle grafiche, ritraeva efficacemente una realtà per il pubblico americano molto lontana da ciò che era realmente accaduto sul campo.

Un bambino ucciso nel bombardamento israeliano di Gaza viene trasportato durante il funerale a Gaza City l’8 agosto 2022. Foto: Hosam Salem

Guardare la totalità delle immagini che vengono realizzate durante un evento giornalistico è un’esperienza che la maggior parte degli americani, ad eccezione degli editor di foto nelle redazioni, sperimenta raramente. Con l’aumento del bilancio delle vittime palestinesi durante il fine settimana, le immagini dei fotoreporter con sede a Gaza si sono riversate in enormi database come Getty Images e AP Images. Una rapida ricerca di “Gaza” su Getty Images, ad esempio, restituisce centinaia di fotografie recenti, una griglia quasi infinita di brutalità della scorsa settimana.

In molte immagini, i bambini uccisi dalle bombe israeliane sono mostrati in primo piano. Queste immagini mostrano i funerali, i volti dei defunti scoperti, i loro corpi tenuti in alto e marciati per le strade. In alcune fotografie, si vedono persone in lutto che scattano le immagini dei corpi sui loro cellulari, una prova di quali orrori si sono verificati.

Persone in lutto portano il corpo del palestinese Khalil Abu Hamadeh alla sua cerimonia funebre al campo di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza, il 7 agosto 2022.
 Foto: Mahmoud Issa/SOPA Images/LightRocket tramite Getty Images

Queste immagini grafiche sono disposte, su database fotografici, accanto alle immagini non grafiche che sono quasi sempre selezionate per la pubblicazione dalle testate giornalistiche statunitensi: razzi che volano nel cielo di notte, momenti tranquilli di bambini che osservano i danni arrecati alle loro case e fumo nero sorgendo oltre l’orizzonte.

Il fumo sale sopra il sito di un attacco aereo israeliano a Gaza City il 7 agosto 2022.
 Foto: Majdi Fathi/NurPhoto via Getty Images

A Gaza, i fotoreporter fotografano regolarmente all’interno di ospedali e obitori. Questo accesso alle strutture di assistenza urgente, raro negli Stati Uniti , offre ai giornalisti l’opportunità di documentare direttamente i feriti e i morti. Su Getty Images, le immagini dei corpi dei bambini, avvolti in tessuto bianco, ammucchiati all’obitorio sono abbondanti e senza censure. Sebbene scioccanti e profondamente sconvolgenti, mostrano molto chiaramente ciò che produce i bombardamenti di zone residenziali dense.



“Riesco ancora a vedere le persone in lutto piangere dopo che le loro case sono state distrutte”, ha detto a The Intercept il fotoreporter palestinese Hosam Salem . “Non ce la faccio più. Anche dopo che questi tre giorni di attacchi israeliani sono finiti, sono diventato più esausto di prima. A Gaza non ci sono storie che possono darci vita; tutto ciò che possiamo dire è come la morte abbia preso le nostre vite e quelle di coloro che ci circondano”.

Un ragazzo palestinese piange accanto ai corpi di quattro cugini palestinesi uccisi da un attacco aereo israeliano nella Striscia di Gaza, l’8 agosto 2022.
 Foto: Sameh Rahmi/NurPhoto tramite Getty Images

Eppure queste immagini non sono la caratteristica distintiva del conflitto ineguale in cui nessun israeliano è stato ucciso. Invece, vengono pubblicati raramente.

“In generale, la maggior parte della copertura dei media internazionali e americani è debole e spesso non mostra scene in cui sono stati uccisi donne e bambini innocenti”, ha detto a The Intercept Soliman Hijjy, un giornalista visivo palestinese che lavora a Gaza.

Nel caso di uno dei 16 bambini uccisi, Alaa Qaddoum di 5 anni, un articolo del New York Times includeva una fotografia fatta dopo la sua morte. Questa era l’eccezione, sebbene la foto non fosse in primo piano; è stato posizionato verso la fine dell’articolo. Altre testate, dal Washington Post alla NBC News , non hanno pubblicato l’immagine, anche se hanno menzionato l’omicidio della ragazza. Ciò che ci resta è, in sostanza, una comprensione sterilizzata ed evitante degli eventi mondiali poiché le redazioni optano uniformemente per immagini che non includono alcun contenuto grafico. Le piattaforme di social media, come Twitter e Facebook, hanno rafforzato questo spostamento dalla pubblicazione di rappresentazioni della violenza implementando politiche sui “media sensibili”che scoraggiano le redazioni dal mostrare in primo piano immagini di atrocità, per non perdere le visualizzazioni delle pagine.

Il corpo di Alaa Qaddoum, 5 anni, dopo essere stata uccisa in un attacco aereo israeliano il 5 agosto 2022 a Gaza City.
 Foto: Hosam Salem

Malcostume giornalistico

Non c’è consenso su come affrontare le immagini di intensa violenza. Le singole redazioni prendono decisioni caso per caso, spesso dopo aver selezionato le immagini archiviate nelle principali piattaforme di distribuzione in cui nessuna delle immagini è sfocata o censurata. Su Getty Images, solo all’interno delle informazioni della didascalia a volte c’è una “nota del redattore” che avverte lo spettatore su ciò che stanno già guardando: “L’immagine raffigura la morte”. La maggior parte dei media, incluso questo, pubblica una nota del redattore o un avviso sui contenuti prima di sorprendere gli spettatori con rappresentazioni di violenza grafica.

Non sono solo i corpi palestinesi a essere cancellati dai resoconti dei massacri dei mass media; le sparatorie nelle scuole in America sono diventate visivamente definite da memoriali improvvisati e veglie a lume di candela piuttosto che da immagini grafiche, e lo stesso vale per lo spargimento di sangue che si verifica all’estero. Ma ci sono delle eccezioni. Quando la Russia ha attaccato l’Ucraina all’inizio di quest’anno, la documentazione visiva delle atrocità russe ha iniziato a dominare il ciclo delle notizie. I crimini della Russia sono stati così scioccanti che, con una mossa rara, il New York Times ha stampato in prima pagina un’immagine particolarmente grafica della fotoreporter Lynsey Addario. Addario ha definito il giornale ” coraggioso ” per aver pubblicato le sue prove di crimini di guerra.

I critici hanno notato un netto contrasto nell’interesse globale per la sofferenza del popolo ucraino in contrasto con la sofferenza degli altri, così come i modi in cui l’invasione russa è stata coperta, di fatto, come un atto di aggressione non provocato, piuttosto che un più generico “conflitto” — il tipo di inquadratura usata non solo per gli attacchi israeliani in Palestina, ma anche in altre zone di guerra. Questa settimana, per esempio, sul Washington Post c’erano più immagini “grafiche” che ritraevano un massacro avvenuto all’inizio di quest’anno a Bucha , in Ucraina, di quante ne siano state pubblicate i morti a Gaza durante il fine settimana.

Il 7 agosto 2022 sono stati lanciati razzi lanciati da Gaza City verso Israele, in risposta agli attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza.
 Foto: Yousef Masoud/SOPA Images/LightRocket via Getty Images

Sanificazione dei crimini israeliani

Il problema con la rappresentazione della vita e della morte dei palestinesi va ben oltre le immagini selezionate per raccontare la storia. I palestinesi – e molti osservatori stranieri – hanno condannato a lungo i media internazionali per aver sanificato i crimini israeliani e aver rinviato alla narrativa israeliana. In una lettera firmata da più di 500 giornalisti a seguito dell’ennesima campagna di bombardamenti israeliani su Gaza l’anno scorso, gli autori (inclusi diversi giornalisti di Intercept) hanno affermato che la copertura di Israele e Palestina equivale regolarmente a “malcostume giornalistico”.

“L’asimmetria nel contesto non si estende solo al linguaggio che usiamo; le storie tendono ad amplificare in modo sproporzionato le narrazioni israeliane mentre reprimono quelle palestinesi”, ha scritto il gruppo. “Oscurare l’oppressione israeliana dei palestinesi non rispetta gli standard di obiettività di questo settore”.



Ahmed Abu Artemah – uno scrittore palestinese e attivista per i diritti umani che nel 2018 è stato uno degli organizzatori della “Grande Marcia del Ritorno”, un movimento di protesta pacifica vicino al recinto che separa Israele da Gaza – ha detto a The Intercept che Israele ha operato partendo dal presupposto che avrebbero un alleato nella maggior parte dei media internazionali.

“Questa è complicità”, ha detto Abu Artemah. “Non vogliamo nient’altro che che le persone conoscano i fatti. Non abbiamo una narrazione complicata. La nostra richiesta è solo che le persone guardino i fatti, guardino la realtà, vedano le riprese di ciò che sta accadendo”.

Un uomo bacia il viso di un bambino ucciso da attacchi aerei israeliani, durante un funerale di massa a Burij l’8 agosto 2022, a Gaza City.
 Foto: Mohammed Dahman/Getty Images

Nelle redazioni, le scelte sicure di mostrare una violenza astratta (momenti calmi di fumo e macerie) rispetto alla violenza palese (morte, ferimento o lutto) sono in linea con il quadro della copertura stessa, che nel caso di Gaza minimizza regolarmente l’impatto di civili a favore di una narrazione sulla militanza palestinese, anche se lo stesso tipo di militanza è descritto come resistenza in Ucraina.

Mohammed Mhawesh, giornalista e ricercatore palestinese indipendente con sede a Gaza, ha affermato in un’intervista a The Intercept che la copertura dell’ultimo assalto a Gaza, che i funzionari israeliani hanno ammesso essere “preventivo”, si è concentrata quasi esclusivamente sull’apparente giustificazione di Israele per l’attacco piuttosto che evidenziare gli orrori del suo impatto. E anche se la maggior parte delle vittime non è stata coinvolta in atti di resistenza, il ritratto della resistenza palestinese, ha aggiunto, è in netto contrasto con quello del popolo ucraino.

“Negli ultimi mesi, giornali, siti web e social media sono stati pieni di storie di resistenza ed eroismo ucraini, storie di soldati che hanno fatto saltare in aria i ponti per ritardare l’avvicinamento dei carri armati russi e si sono sacrificati nel processo. Abbiamo visto civili attaccare veicoli armati con tutto ciò che hanno e persone comuni ricevere addestramento sulle armi e scavare trincee”, ha detto Mhawesh. “Eppure, se qualcuna di queste storie si svolgesse in Palestina piuttosto che in Ucraina, ovviamente non verrebbero percepite come atti di eroismo e resistenza. Sarebbero solo classificati e condannati come terrore”.

Mhawesh ha sottolineato che il confronto non aveva lo scopo di diminuire la resistenza del popolo ucraino, ma di “sostenere il diritto di resistere all’occupazione e all’invasione militare di qualsiasi terra, da parte di qualsiasi nazione”.

FONTE: https://theintercept.com/


paypal-logo-1-4

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente.

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...