Conseguenze della vaccinazione Covid: lo studio rileva che il 94% dei destinatari del “vaccino” ha formazioni di coaguli pre-sangue e particelle estranee


Uno studio italiano pubblicato due settimane fa sull’International Journal of Vaccine Theory, Practice, and Research (“IJVTPR”) ha rivelato che quasi tutti coloro che erano stati iniettati avevano anomalie dopo la “vaccinazione Covid”. Nel 94% del sangue dei vaccinati c’era un’aggregazione di globuli rossi e la presenza di particelle di varie forme e dimensioni.

Lo studio è iniziato nel marzo 2021. Utilizzando la microscopia in campo oscuro, i ricercatori hanno analizzato campioni di sangue da 1.006 pazienti al Centro di Biodiagnostica Giovannini per vari disturbi dopo essere stati iniettati con “vaccini” mRNA Pfizer/BioNTech o Moderna.

Gli autori dello studio hanno notato che si presume che i “vaccini” contengano almeno la proteina spike di SARS-CoV-2, ma sono noti anche per contenere particelle estranee che i molti promotori delle iniezioni sperimentali hanno affermato che non erano affatto in essi. “Tra questi componenti estranei ci sono oggetti metallici come dimostrato in precedenza in questo diario da Lee et al. (2022) che trovano conferma nei nostri risultati”.

Dei 1.006 casi analizzati, solo 58 – pari al 5,77% del totale – presentavano un quadro ematologico del tutto normale all’analisi microscopica dopo l’ultima iniezione di mRNA con la miscela Moderna o Pfizer. Il sangue di 948 – il 94% dei partecipanti allo studio – ha mostrato aggregazione di globuli rossi e presenza di particelle di varie forme e dimensioni di origine poco chiara, un mese dopo l’iniezione di mRNA.

In 12 soggetti, il sangue è stato esaminato con la stessa metodologia prima della vaccinazione, mostrando una distribuzione ematologica perfettamente normale. Le alterazioni riscontrate dopo l’inoculazione delle iniezioni di mRNA rafforzano ulteriormente il sospetto che le modificazioni siano dovute ai cosiddetti “vaccini” stessi.

Riportiamo 4 casi clinici, scelti come rappresentativi dell’intera casistica. Sono necessari ulteriori studi per definire l’esatta natura delle particelle presenti nel sangue e per identificare possibili soluzioni ai problemi che evidentemente stanno causando.

Benzi Cipelli, R., Giovannini, F., & Pisano, G. (2022). 
Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer/BioNTech o Moderna. 
Giornale internazionale di teoria, pratica e ricerca sui vaccini , 2(2), 385–444. 
https://doi.org/10.56098/ijvtpr.v2i2.47


Di seguito includiamo alcuni punti salienti, sebbene il documento contenga così tanti punti importanti che è difficile selezionare quali siano i punti salienti. L’articolo è scritto in modo tale che coloro che non hanno una formazione scientifica formale possono facilmente capirlo e vale la pena dedicare del tempo a leggerlo nella sua interezza. 

Gli autori dello studio hanno incluso fotografie dei 4 casi clinici che “rivelano strani fenomeni nel loro sangue e illustrano la gamma e la tipologia delle anomalie riscontrate nell’esame microscopico del sangue del 94,23% dei 1.006 casi … [questi 4 casi sono] rappresentativi di tutti i 948 casi con alterazioni del sangue periferico. 

Abbiamo incluso alcune di queste fotografie di seguito, le descrizioni di accompagnamento sono autoesplicative.

Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer/BioNTech o Moderna , 12 agosto 2022
Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer/BioNTech o Moderna , 12 agosto 2022
Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer/BioNTech o Moderna , 12 agosto 2022
Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer/BioNTech o Moderna , 12 agosto 2022
Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer/BioNTech o Moderna , 12 agosto 2022

Nella loro sezione di discussione e conclusione, gli autori hanno scritto:

È stata evidenziata l’aggregazione degli eritrociti e sono state rilevate particelle esogene puntiformi e autoluminescenti nel campo oscuro. La luminescenza di quelle particelle era notevolmente superiore a quella delle pareti dei globuli rossi ossigenati.

I 948 casi, hanno mostrato formazioni tubulari/fibrose e spesso anche formazioni cristalline e lamellari con morfologie estremamente complesse ma costantemente simili in tutti i pazienti con campioni di sangue anormali.

I nostri risultati sono così simili a quelli di  Lee et al. (2022) che si potrebbe affermare che, fatta eccezione per la nostra innovativa applicazione della microscopia in campo oscuro per contrassegnare gli oggetti metallici estranei nel sangue delle iniezioni di mRNA di Pfizer o Moderna, abbiamo replicato l’analisi del sangue dei medici coreani con un campione molto più ampio.

Ciò che sembra abbastanza chiaro è che particelle metalliche simili all’ossido di grafene e forse altri composti metallici, come quelli scoperti da Gatti e Montanari ( Montanari & Gatti, 2016; Gatti & Montanari , 2012 , 2017 , 2018 ), sono state introdotte intenzionalmente nei “vaccini” mRNA con evidenti sintomi riscontrati nei 948 pazienti da noi trattati.

Nella nostra esperienza di medici, queste iniezioni di mRNA sono molto diverse dai tradizionali “vaccini” e i loro produttori devono, secondo noi, chiarire cosa c’è nelle iniezioni e perché è lì.

In conclusione, cambiamenti così bruschi come abbiamo documentato nel profilo del sangue periferico di 948 pazienti non sono mai stati osservati dopo l’inoculazione con alcun vaccino in passato secondo la nostra esperienza clinica. Il passaggio improvviso, di solito al momento di una seconda iniezione di mRNA, da uno stato di perfetta normalità a uno patologico, con emolisi di accompagnamento, impacchettamento e impilamento visibile dei globuli rossi in congiunzione con la formazione di gigantesche strutture estranee conglomerate, alcune delle quali che appaiano come superstrutture della famiglia del grafene, non ha precedenti.

Nella nostra esperienza collettiva, e nella nostra comune opinione professionale, la grande quantità di particelle nel sangue dei destinatari dell’iniezione di mRNA è incompatibile con il normale flusso sanguigno, soprattutto a livello dei capillari.

Benzi Cipelli, R., Giovannini, F., & Pisano, G. (2022). 
Analisi microscopica in campo oscuro sul sangue di 1.006 persone sintomatiche dopo iniezioni di mRNA anti-COVID da Pfizer/BioNTech o Moderna. 
Giornale internazionale di teoria, pratica e ricerca sui vaccini , 2(2), 385–444. 
https://doi.org/10.56098/ijvtpr.v2i2.47

LEGGI ANCHE: https://danwebsite.com/2022/07/15/come-rimuovere-lossido-di-grafene-lingrediente-pericoloso-e-non-divulgato-nei-vaccini-covid-dal-corpo/

Fonte: https://ijvtpr.com/index.php/IJVTPR/article/view/47/80


Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...