La Cina legalizza l’uso del rapimento all’estero

Proprio intorno al Natale dell’anno scorso, la caccia globale della Cina ai “fuggitivi” ha raggiunto una nuova pietra miliare. Dal suo lancio nel 2014 come parte della campagna anticorruzione di Xi Jinping, si dice che 10.000 siano stati rimpatriati con successo da oltre 120 paesi in tutto il mondo nell’ambito delle operazioni “Sky Net” (e il partner junior Fox Hunt).


SCARICA IL RAPORTO QUI ⬇️


Questo nuovo rapporto di Safeguard Defenders va oltre i pochi casi individuali segnalati occasionalmente in passato, approfondisce le loro operazioni all’estero e soffia il coperchio sull’uso dei cosiddetti rimpatri “volontari”… con ogni mezzo necessario. 

“Qualsiasi mezzo” deve essere preso alla lettera. I metodi legalmente sanzionati ai sensi della legge sulla supervisione nazionale della RPC vanno dal detenere i familiari in Cina, all’invio della polizia cinese all’estero in missioni segrete per intimidire i bersagli affinché ritornino, ai veri e propri rapimenti all’estero.

Come mostra la ricerca, le procedure legali formali come le estradizioni svolgono un ruolo quasi inesistente nel tasso di successo dichiarato della campagna “Sky Net”. Invece, questi rimpatri volontari (IR) rappresentano la stragrande maggioranza del track record di “Sky Net”: nel 2018, IR rappresentava circa il 64% dei dichiarati rimpatri andati a buon fine, mentre l’estradizione, il canale giudiziario appropriato per tali rimpatri, rappresentava solo l’1% .

La pratica globale in rapida espansione rappresenta ovunque una grave minaccia alla sovranità nazionale e ai diritti individuali. La consapevolezza e le indagini nazionali, nonché le azioni mirate per contrastare queste operazioni e proteggere le persone più a rischio sono fondamentali per sostenere l’ordine internazionale basato sulle regole.



La Cina legalizza l’uso del rapimento all’estero

L’ultimo rapporto di Safeguard Defenders espone un’interpretazione legale esistente dal partito-gemello all’organo al comando di “Sky Net”: il nuovo temuto super-ministero cinese, la National Supervision Commission (NSC). Sulla base dell’articolo 52 della legge sulla vigilanza nazionale (2018), fornisce i termini pratici per come il NSC e la polizia cinese devono ottenere il ritorno dei latitanti dichiarati. Questa interpretazione giuridica serve da guida sulle numerose categorie di metodi che possono essere impiegati. Nella sua quinta e ultima categoria, afferma apertamente:

[Per la quinta categoria]  Ci sono due modi comuni: (1) rapimento, che significa usare i metodi del rapimento per arrestare i fuggitivi nel paese; (2) cattura, il che significa attirare sospetti criminali nei territori del paese di destinazione, in alto mare, nello spazio aereo internazionale o in un paese terzo che ha un trattato di estradizione con il paese di destinazione, e quindi arrestarli o estradarli.

 

Le tre tipologie di  rimpatri “volontari” (IR)

La ricerca alla base del rapporto include un’analisi approfondita di 62 casi di tentativi falliti e riusciti di questi rimpatri “volontari”. Sulla base di questi, Safeguard Defenders ha mappato tre tipi di metodi IR (rimpatri involontari) impiegati. In linea di massima sono:

IR Tipo 1: Minacce alla famiglia in Cina

Dopo essersi trasferito in Canada, Xie Weidong, un ex giudice della Corte suprema cinese, ha pubblicamente criticato il sistema di giustizia penale della Repubblica popolare cinese. Le autorità cinesi lo hanno accusato di corruzione e poi hanno tentato di convincerlo a tornare “volontariamente”. Quando ha rifiutato, la polizia ha arrestato prima sua sorella e poi suo figlio in Cina. La polizia ha anche contattato la sua ex moglie, ex socia in affari di lunga data e altri, come l’avvocato che rappresentava sua sorella: il tutto con l’obiettivo di convincerlo a tornare. Essendo stato un giudice, Xie sapeva fin troppo bene cosa lo aspettava se fosse tornato e ha continuato a rifiutare nonostante le ritorsioni contro i suoi familiari e altri. La RPC ha persino inviato un avvocato in Canada per convincerlo di persona… però comunque invano.

Tipo IR 2: Prendere di mira le vittime in un paese straniero

Il primo caso noto di agenti cinesi che operano sotto copertura in Australia per restituire qualcuno con la forza è quello di Dong Feng alla fine del 2014, pochi mesi dopo che Xi ha lanciato il braccio internazionale della sua campagna anticorruzione (Fox Hunt). Dong, che aveva ottenuto la cittadinanza australiana, era un tour operator e un autista di autobus. Era anche un praticante del Falun Gong. Gli agenti di polizia cinesi sotto copertura si sono avvicinati a Dong a Melbourne per convincerlo a tornare e ad affrontare la “giustizia”. Inizialmente ha accettato di comunicare con loro a causa delle minacce alla sua famiglia in Cina, ma alla fine si è rifiutato di tornare ed è rimasto in Australia. Tuttavia, la notizia che la polizia cinese stava lavorando sotto copertura in Australia è trapelata, provocando un battibecco diplomatico tra Canberra e Pechino.

IR Tipo 3: Rapimenti all’estero

Il difensore cinese dei diritti umani Dong Guangping aveva già scontato tre anni di prigione in Cina con l’accusa di incitamento alla sovversione del potere statale nei primi anni 2000 ed era scomparso per altri otto mesi di detenzione nel 2014. Per sfuggire a ulteriori persecuzioni, è riuscito a fuggire in Thailandia nel 2015, dove gli è stato concesso lo status di rifugiato ufficiale dall’UNHCR. Mentre attendeva il reinsediamento in Canada in un centro di detenzione per immigrati di Bangkok, la polizia cinese è entrata, lo ha ammanettato davanti agli ufficiali thailandesi e lo ha condotto fuori. Dong in seguito è riemerso in detenzione in Cina (non c’è traccia ufficiale che abbia lasciato la Thailandia) dove è stato condannato a tre anni di prigione. Ãˆ stato liberato nel 2019 dopo aver scontato la pena.

Gli individui non sono necessariamente presi di mira attraverso un solo metodo. Sono stati registrati casi in cui, se un metodo fallisce, ne viene impiegato un altro. “Sky Net” è impostata per garantire il loro ritorno ad ogni costo, con ogni mezzo necessario.

La portata di “Sky Net

Gli oltre 10.000 rendimenti positivi possono rappresentare solo una parte di un iceberg poiché questo numero si basa sui dati limitati propagandati dal PCC che includono solo i rendimenti positivi nelle loro pubblicazioni. Come mostra l’analisi approfondita di Safeguard Defender in 62 casi individuali, solo la metà di questi hanno avuto successo.

Inoltre, mentre “Sky Net” afferma ufficialmente di prendere di mira solo criminali economici e funzionari di partito e di Stato accusati di concussione, corruzione o abuso di potere, molti dei casi identificati da Safeguard Defenders sono di tipo molto diverso. Includono chiaramente azioni contro dissidenti o difensori dei diritti umani: che si tratti del giornalista cinese Li Xin rapito in Thailandia, dell’attivista Tang Zhishun rapito in Birmania, o come nei casi del britannico Lee Bo o dello svedese Gui Minhai, presi di mira rispettivamente a Hong Kong e Thailandia .

Inoltre, l’  Uyghur Human Rights Project  ha anche mappato centinaia di casi di uiguri presi di mira in modo simile, sebbene i loro dati probabilmente graffino solo la superficie.

È quindi molto probabile che i dati ufficiali escludano tali istanze, lasciandoci all’oscuro di quanto siano comuni tali obiettivi o quante delle operazioni di “Sky Net” finiscano con un fallimento e quindi non siano registrate nei dati.

Avvertenze a parte, con oltre 10.000 rientri di successo ammessi da oltre 120 paesi anche all’interno della sua categoria molto ristretta di obiettivi segnalati, è un’operazione massiccia e mondiale.

 

Il tempo di agire

La pratica globale in rapida espansione rappresenta ovunque una grave minaccia alla sovranità nazionale e ai diritti individuali. La consapevolezza e le indagini nazionali, nonché le azioni mirate per contrastare queste operazioni e proteggere le persone più a rischio sono fondamentali per sostenere l’ordine internazionale basato sulle regole.

Nei paesi in cui sono state smascherate operazioni illegali, in particolare di  tipo 2  in cui gli agenti vengono inviati in missioni illegali e segrete all’estero, le risposte diplomatiche hanno avuto la tendenza a essere smorzate. In altri paesi, dove tali operazioni hanno luogo ma non hanno (ancora) portato a indagini o esposizione mediatica, i governi sembrano inconsapevoli del problema o scelgono volontariamente di ignorarlo poiché ritengono che potrebbe costringere le loro mani a rispondere effettivamente.

Incoraggiato dall’assenza di qualsiasi costo politico reale imposto a tali pratiche completamente illegali, anche se esposte, il PCC sta espandendo rapidamente le operazioni. Prima della pandemia, questa tendenza era chiara e, nonostante le significative restrizioni in vigore in tutto il mondo nel 2020 e nel 2021, la campagna è rimasta sorprendentemente su larga scala anche durante la pandemia. Ãˆ chiaro che questo problema sta solo per diventare più grande.

I paesi possono illudersi che il modo migliore per contrastare tali evidenti violazioni della sovranità nazionale e del diritto internazionale sia servito al meglio con accordi formali di cooperazione giudiziaria e trattati di estradizione con la RPC, un argomento su cui il PCC è appassionato. Eppure, come dimostra quest’ultimo rapporto, circa il 19% dei casi di IR di tipo 2 avviene in paesi che hanno (ratificato) trattati di estradizione, così come il 55% dei rapimenti (IR di tipo 3).


LEGGI IL CASO CLAMOROSO AVVENUTO A PRATO (ITALIA) – clicca sotto l’immagine –

http://fiorenzaoggi.it/lo-strano-caso-della-polizia-cinese-a-prato/

In sostanza, la RPC utilizzerà questi metodi indipendentemente dal fatto che esistano l’estradizione – o altri meccanismi di cooperazione giudiziaria – e continuerà a farlo a meno che non vi sia un costo politico.

È indicativo che l’organismo che è stato messo al comando sia di “Sky Net” che della cooperazione giudiziaria generale è la National Supervision Commission (NSC), che non è né un’agenzia delle forze dell’ordine né un organo giudiziario, ed è credibilmente accusata di molteplici conteggi di reati contro l’umanità sulla base di prove accumulate su sparizioni forzate di massa e torture da parte di Safeguard Defenders.

Chiediamo ai membri del Parlamento di sollevare questo problema con i loro governi: chiedere se e come questa pratica viene monitorata; in che misura tali operazioni si svolgono nel loro paese e quali misure vengono formulate per contrastarle.

È inoltre necessario intraprendere azioni per proteggere una diaspora cinese in rapida crescita nei paesi target, a meno che questi ultimi non si accontentino di avere un governo straniero con gruppi minoritari di polizia sul proprio territorio, spesso a scapito intenzionale del paese target e delle sue politiche, e volti a intimidire la diaspora portandola all’obbedienza al PCC in qualsiasi parte del mondo. Devono essere urgentemente resi disponibili meccanismi di segnalazione e protezione dedicati.

Bisognerebbe comunque chiedere l’immediata sospensione dei trattati di estradizione con la Cina, la risoluzione di eventuali accordi firmati con l’NSC e una revisione completa di altre forme di cooperazione giudiziaria. Senza la volontà di rivedere, sospendere o interrompere tale cooperazione – molto ricercata dal PCC – queste sono poche ragioni per fermarsi. C’è una leva da trovare, ma a meno che non ci sia la volontà di usarla, rimane impotente.

FONTE: https://safeguarddefenders.com/


paypal-logo-1-4

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...