Google ha ordinato ai traduttori russi di non chiamare la guerra in Ucraina una guerra

Un’e-mail interna mostra che, nonostante la sua posizione contro la guerra, l’azienda si è piegata ai decreti del Cremlino.

ALL’INIZIO DI MARZO , gli appaltatori che lavoravano per Google per tradurre il testo aziendale per il mercato russo hanno ricevuto un aggiornamento dal loro cliente: Con effetto immediato, la guerra russa in corso contro l’Ucraina non poteva più essere definita una guerra, ma piuttosto solo vagamente come “circostanze straordinarie”. “

L’e-mail interna, ottenuta da The Intercept, è stata inviata dal management di un’azienda che traduce testi aziendali e interfacce di app per Google e altri clienti.

L’e-mail ha trasmesso le istruzioni di Google con la nuova formulazione. Le istruzioni rileva vano che la parola “guerra” dovrebbe continuare a essere utilizzata in altri mercati e che il cambiamento di politica aveva lo scopo di mantenere Google in conformità con una legge russa sulla censura promulgata subito dopo l’invasione dell’Ucraina.

Alla domanda sulla guida, il portavoce di Google Alex Krasov ha dichiarato a The Intercept: “Anche se abbiamo sospeso gli annunci di Google e la stragrande maggioranza delle nostre attività commerciali in Russia, rimaniamo concentrati sulla sicurezza dei nostri dipendenti locali. Come è stato ampiamente riportato, le leggi attuali limitano le comunicazioni all’interno della Russia. Ciò non si applica ai nostri servizi di informazione come Ricerca e YouTube”.

Secondo un traduttore che ha parlato con The Intercept, gli ordini si applicano a tutti i prodotti Google tradotti in russo, inclusi Google Maps, Gmail, AdWords e le politiche e le comunicazioni di Google con gli utenti. (Il traduttore ha chiesto l’anonimato per evitare rappresaglie da parte del datore di lavoro.)

Il memo interno aiuta a spiegare perché alcune pagine web di Google, tra cui una politica pubblicitaria e un documento di aiuto video trovato da The Intercept, usano termini eufemismi come “emergenza in Ucraina” nella loro versione russa ma “guerra in Ucraina” nella versione inglese.

La legge sulla censura, firmata dal presidente russo Vladimir Putin il 4 marzo, ha creato dure sanzioni penali fino a 15 anni di carcere per aver diffuso le cosiddette false informazioni sull’esercito russo. È opinione diffusa che ciò includa il riferimento all’assalto della Russia all’Ucraina come una guerra o un’invasione, dato che il Cremlino aveva precedentemente tracciato una linea dura contro tali termini. Il Cremlino definisce la guerra una “operazione militare speciale” e il suo consiglio di censura di Internet avrebbe minacciato di bloccare i siti Web che utilizzano termini come “invasione”.

Come molte altre società americane, Google ha rapidamente dichiarato il suo sostegno all’Ucraina e la sua opposizione all’invasione russa dopo l’inizio dell’attacco. E come molti altri titani della Silicon Valley, ha anche implementato nuove politiche per soffocare la capacità di propaganda del Cremlino. Un post sul blog aziendale del 1 marzo del capo degli affari globali di Google Kent Walker ha dichiarato: “I nostri team lavorano 24 ore su 24 per supportare le persone in Ucraina attraverso i nostri prodotti, difendersi dalle minacce alla sicurezza informatica e fornire informazioni affidabili e di alta qualità”. Walker ha aggiunto che Google ha “messo in pausa la stragrande maggioranza delle nostre attività commerciali in Russia”, comprese le vendite a inserzionisti russi, le vendite di pubblicità diretta agli spettatori russi di YouTube, le iscrizioni a Google Cloud in Russia e “funzionalità di pagamento per la maggior parte dei nostri Servizi.”



I commentatori occidentali hanno generalmente lodato gli sforzi di Google relativi all’invasione. Ma l’e-mail e le traduzioni nel Centro assistenza di Google suggeriscono che la sua posizione di principio contro la propaganda dello stato russo è in una certa misura controbilanciata dall’interesse dell’azienda a continuare a fare affari in Russia.

In una versione in lingua inglese di una nota di aggiornamento delle norme pubblicitarie di Google intitolata ” Aggiornamenti alle norme sugli eventi sensibili “, datata 27 febbraio 2022, la società ha spiegato che stava bloccando gli annunci online dai media statali russi a causa della “guerra in corso in Ucraina, ” considerato un “evento sensibile”. Ma la versione russa del post si riferisce solo all ‘”emergenza in Ucraina” piuttosto che a una “guerra”.

Una pagina delle norme pubblicitarie di Google in russo descrive la guerra in Ucraina come “eventi di attualità che richiedono un’attenzione speciale (emergenza in Ucraina)”

Nel Centro assistenza video, il post ” Prodotti e servizi soggetti a restrizioni ” ripete l’avviso: “A causa della guerra in corso in Ucraina, sospenderemo temporaneamente la pubblicazione degli annunci Google agli utenti che si trovano in Russia”. Nella versione russa, l’avviso è stato nuovamente modificato: “A causa della situazione di emergenza in Ucraina, sospendiamo temporaneamente la pubblicazione degli annunci per gli utenti che si trovano in Russia”.

Un documento di supporto di Google spiega perché l'azienda sta bloccando le vendite di annunci online ai media russi.  La versione inglese dice che è a causa della "guerra in corso in Ucraina", mentre la versione russa si riferisce all '"emergenza in Ucraina".
Un documento di supporto di Google spiega perché l’azienda sta bloccando alcune vendite di annunci online. La versione inglese dice che è a causa della “guerra in Ucraina”, mentre la versione russa si riferisce alla “situazione di emergenza in Ucraina”.

Un altro post di aiuto trovato da The Intercept mostra una versione in lingua russa scritta in conformità con la nuova legge sulla censura:

Un documento di supporto di Google spiega perché l'azienda sta bloccando le vendite di annunci online ai media russi.  La versione inglese dice che è a causa della "guerra in corso in Ucraina", mentre la versione russa si riferisce all '"emergenza in Ucraina".
Una pagina delle norme di Google, che limita la pubblicità su determinati contenuti, fa riferimento alla “guerra in Ucraina” nella versione inglese. La versione russa del 10 marzo faceva riferimento all ‘”emergenza” in Ucraina e il 23 marzo è stata aggiornata per affermare: “A causa delle circostanze straordinarie in Ucraina, stiamo sospendendo la monetizzazione dei contenuti che utilizzano, negano o giustificano la situazione attuale”

In alcuni casi, le pagine di aiuto russe includono sia un riferimento alla “guerra” che un eufemismo sanzionato dallo stato; non è chiaro il motivo.

È possibile che un sistema di traduzione automatizzato sia difettoso? Secondo il traduttore, la maggior parte delle traduzioni viene eseguita automaticamente tramite software. Nei casi più delicati – regole della community e pagine di supporto – di solito c’è la supervisione umana per garantire l’accuratezza. Questa fonte ha aggiunto che qualsiasi potenziale utilizzo del termine “guerra” nel contesto dell’Ucraina sarebbe stato censurato su tutti i prodotti Google ancora disponibili sul mercato russo. Hanno anche affermato che la politica di eufemismo si applicherebbe ipoteticamente oltre il testo della pagina di supporto ad altri prodotti Google come Maps.

La mossa è solo l’esempio più recente di acquiescenza alle richieste di censura russa da parte di Google e dei suoi principali colleghi della Silicon Valley. Nel 2019, Apple ha accettato di riconoscere l’annessione russa della Crimea nella sua app iOS Maps in risposta alle pressioni del Cremlino. Nel 2021, Google ha rivelato di aver soddisfatto il 75% delle richieste di eliminazione dei contenuti ricevute dal governo russo quell’anno; quello stesso anno , sia Google che Apple hanno deciso di rimuovere le app affiliate al famoso critico di Putin Alexey Navalny.

Fonte: https://theintercept.com/technology/


paypal-logo-1-3

Dona

Per la proliferazione di informazioni prive di censura DanWebsite ha bisogno anche del tuo aiuto. Sostienici anche con una minima donazione. E più che sufficiente. Grazie di ♥️

3,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...