Land Grab dei Paesi Bassi: la proposta del governo di sequestrare fino a 600 fattorie entro un anno, con la forza se necessario

Decine di migliaia di agricoltori sono scesi in piazza per opporsi ai nuovi obiettivi climatici del governo che costringeranno migliaia di agricoltori a chiudere l’attività. Nonostante tutte queste proteste, il governo olandese sta ora parlando di acquisizioni forzate da parte dello stato di 500-600 fattorie già entro il prossimo anno. In altre parole, lo stato potrebbe costringere gli agricoltori a vendere la loro terra allo stato.

“Il nostro governo criminale ha annunciato [mercoledì 5 ottobre] che accelererà il furto della terra dei nostri contadini. 500-600 agricoltori saranno costretti a vendere la loro terra allo stato nel prossimo anno. Gli agricoltori hanno annunciato nuove proteste, quindi restate sintonizzati, ha twittato Eva Vlaardingerbroek .


Iscriviti ora per assicurarti di ricevere le ultime notizie senza censura nella tua casella di posta…


La proposta più sorprendente del mediatore nominato dal governo Johan Remkes era rivolta ai cosiddetti “peak loader”. Mercoledì, ha chiesto a 500-600 aziende vicine alle aree di conservazione Natura 2000 e con emissioni di azoto relativamente elevate, in particolare gli allevamenti di bestiame, di chiudere entro un anno o di trasferirsi, per quanto possibile attraverso un’acquisizione volontaria, ma se non c’è altra opzione, sotto costrizione, segnalata da NOS .

“Non ci sono più buone rotte disponibili per l’approccio a breve termine”, ha detto Remkes. “La via meno dannosa è una chiusura mirata di 500-600 picchi di inquinatori entro un anno”.

Tuttavia, la Commissione Europea afferma che “Natura 2000 non è un sistema di riserve naturali rigorose da cui tutte le attività umane sarebbero escluse”.

“L’esproprio degli agricoltori deve essere tolto dal tavolo”, ha affermato Mark van den Oever della Farmers’ Defense Force dopo che il negoziatore nominato dal governo, Johan Remkes, ha pubblicato le sue raccomandazioni mercoledì. “Non permetteremo che avvengano acquisti forzati”.

Pochi giorni dopo, Vlaardingerbroek ha twittato : “Il governo olandese sta intensificando l’espropriazione dei nostri agricoltori, spingendo alcuni di loro al suicidio. Sono un branco di avidi bugiardi e ladri disumani che hanno creato una finta crisi per derubare le persone dei loro diritti e proprietà”.

Non solo i Paesi Bassi ma anche la Germania protesta…

In un’intervista a GB News , Vlaardingerbroek ha spiegato quelle che crede siano le ragioni dell’accaparramento di terre da parte del governo olandese: “Non c’è più spazio nei Paesi Bassi. Quindi, cosa dovranno fare? Dovranno impadronirsi di parte della terra di questi contadini per ospitare nuovi olandesi, i nuovi arrivati ​​nel nostro paese. Quindi, ecco di cosa si tratta veramente. E, naturalmente, c’è anche l’elemento delle nostre élite che non vogliono che abbiamo indipendenza o controllo sulla nostra fornitura di cibo e ovviamente non vogliono che mangiamo carne. Quindi, gli agricoltori stanno ostacolando i loro piani ed è per questo che sono presi di mira in questo momento.

I Paesi Bassi non sono l’unico paese in Europa in cui gli agricoltori vengono presi di mira e vengono messi fuori mercato, come spiega l’agricoltore irlandese nel video qui sotto.

Da quando ha imposto standard di azoto, il governo olandese ha reso praticamente impossibile la continuazione dell’agricoltura. Oltre 17.000 agricoltori nei Paesi Bassi rischiano di essere chiusi, senza attività, di dover vendere la loro terra o distruggere il loro bestiame.

Ralph Schoellhammer , assistente professore di Relazioni internazionali presso la Webster Vienna Private University, ha seguito da vicino gli sviluppi della storia del contadino olandese. Sabato ha parlato con Clayton Morris, ospite di Redacted , degli ultimi sviluppi e della sua prospettiva sul perché il governo olandese stia seguendo questo percorso distruttivo.

“La burocrazia va avanti. È, in un certo senso, quasi straordinario che, indipendentemente da ciò che le persone dicono o indipendentemente da ciò che è il sentimento pubblico, vanno avanti”, ha detto Schoellhammer.

“C’è una combinazione di fattori che stanno spingendo il governo olandese a prendere di mira alcune fattorie, in particolare, ha spiegato Schoellhammer. “Per alcuni, si tratta dell’espansione della pianificazione urbana… C’è questa visione… di creare uno stato transfrontaliero con i Paesi Bassi con il Belgio e con parti della Germania. Avere questo enorme centro urbano che includerebbe tra i 50 e i 150 milioni di persone… ma si combina con un altro elemento… che è una specie di fanatismo ambientale. Quindi, gli agricoltori olandesi, in un certo senso, vengono schiacciati da due parti”.

“È molto assurdo che le persone che non hanno mai avuto una pala in mano o che non hanno mai avuto un forcone in mano dicano a coloro che sono stati agricoltori per generazioni come dovrebbero trattare l’ambiente. Gli agricoltori sanno come farlo e sanno quali sono i limiti”.

La storia non finisce qui perché le politiche fanatiche e distruttive del governo stanno schiacciando gli agricoltori dalla Germania alla Nuova Zelanda. Morris e Schoelhammer continuano a discutere di come la distruzione della produzione alimentare in Occidente alla fine causerà povertà e fame in Asia e Africa perché le nazioni occidentali dovranno acquistare cibo sul mercato mondiale per sfamare le loro popolazioni, il che porterà i prezzi del cibo fuori dalla portata delle popolazioni delle nazioni più povere del mondo.

Qualcosa di GRANDE sta accadendo in Europa e il WEF sta vincendo, 15 ottobre 2022 (14 min) – in lingua Inglese –

Le fonti includono:


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...