La plastica utilizzata nelle maschere per il viso è stata trovata nei polmoni dei pazienti


Fibre microplastiche sono state trovate in profondità nei polmoni inferiori degli esseri umani in quasi tutte le persone campionate in un recente studio nel Regno Unito.

Lo studio della Gran Bretagna ha scoperto particelle microplastiche – presenti in molte maschere COVID-19 – nel tessuto polmonare di 11 pazienti su 13 sottoposti a intervento chirurgico.

Il polipropilene (PP) e il polietilene tereftalato (PET) erano le sostanze maggiormente presenti nei polmoni.

I microscopici frammenti e fibre di plastica sono stati scoperti dagli scienziati della Hull York Medical School nel Regno Unito. Alcuni dei filamenti erano lunghi due millimetri nei pazienti sottoposti a intervento chirurgico di cui avevano campionato il tessuto polmonare.

La polvere di plastica e i detriti microscopici comprendono la stessa plastica utilizzata per produrre le onnipresenti mascherine chirurgiche, indossate da centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, come richiesto dai governi nel tentativo di fermare la diffusione del COVID-19.

Il materiale più comunemente usato per realizzare queste maschere è il PP: il tessuto in PP è costituito da un polimero “termoplastica”, il che significa che è facile da lavorare e modellare ad alte temperature.

Le mascherine chirurgiche blu possono anche essere realizzate in polistirene, policarbonato, polietilene o poliestere, tutti tipi di tessuti derivati ​​da polimeri termoplastici.

Le maschere blu usa e getta si trovano in quasi tutte le strade cittadine del mondo. Adulti sani, bambini, immunodepressi e anziani sono stati tutti soggetti a mandati di mascherine.

Le microplastiche sono state rilevate per la prima volta nel sangue umano a marzo, dimostrando che le particelle possono viaggiare intorno al corpo umano e possono essere incorporate negli organi. L’impatto sulla salute è ancora da definire.

I ricercatori sono preoccupati perché le microplastiche causano danni alle cellule umane in laboratorio e le particelle di inquinamento atmosferico sono già note per la loro pericolosità poiché entrano nel corpo e causano milioni di morti premature ogni anno.

Maschera al microscopio. Immagine gentilmente concessa da EP Vicenzi/Smithsonian's Museum Conservation Institute e NIST
Maschera al microscopio. 
Immagine gentilmente concessa da EP Vicenzi/Smithsonian’s Museum Conservation Institute e NIST

“Le microplastiche aerodisperse (MP) sono state campionate a livello globale ed è noto che la loro concentrazione aumenta in aree ad alta popolazione umana e attività, specialmente al chiuso. Sono stati segnalati anche sintomi respiratori e malattie a seguito dell’esposizione a livelli occupazionali di parlamentari all’interno di ambienti industriali”, ha affermato lo studio del Regno Unito. “In totale, sono stati identificati 39 MP in 11 dei 13 campioni di tessuto polmonare… Questi risultati supportano l’inalazione come via di esposizione per MP ambientali e questa caratterizzazione di tipi e livelli può ora informare condizioni realistiche per esperimenti di esposizione in laboratorio, con l’obiettivo di determinare gli impatti sulla salute”.

“Non ci aspettavamo di trovare il maggior numero di particelle nelle regioni inferiori dei polmoni, o particelle delle dimensioni che abbiamo trovato”, ha affermato Laura Sadofsky, presso la Hull York Medical School nel Regno Unito, autrice senior dello studio. “È sorprendente perché le vie aeree sono più piccole nelle parti inferiori dei polmoni e ci saremmo aspettati che particelle di queste dimensioni venissero filtrate o intrappolate prima di arrivare così in profondità”.

“Questi dati forniscono un importante progresso nel campo dell’inquinamento atmosferico, delle microplastiche e della salute umana”, ha affermato la sig.ra Sadofsky.

La ricerca ha utilizzato campioni di tessuto polmonare sano vicino alla regione polmonare mirata per l’intervento chirurgico. Ha analizzato particelle di dimensioni pari a 0,003 mm e ha utilizzato la spettroscopia per identificare i tipi di plastica.

Ha inoltre utilizzato campioni di controllo per tenere conto del livello di contaminazione di fondo. Lo studio è stato accettato per la pubblicazione dalla rivista Science of the Total Environment .


SCARICA GRATUITAMENTE LO STUDIO QUI ⬇️ (LINGUA INGLESE)


Uno studio precedente pubblicato nel 2020 ha esaminato i rischi associati all’uso della maschera e all’inalazione di microplastiche. Lo studio ha concluso:

• Indossare maschere comporta un rischio di inalazione di microplastiche, il riutilizzo delle maschere aumenta il rischio

• Indossare maschere N95 comporta rischi di inalazione di microplastica più bassi a lungo termine

• Indossare maschere, ad eccezione di N95, comporta un rischio maggiore di inalazione di microplastica a strisce

• Indossare maschere comporta un rischio di inalazione di microplastica di tipo sferico notevolmente inferiore

• Indossare maschere riduce il rischio lordo di inalazione di microplastiche a lungo termine

“Le maschere chirurgiche, in cotone, alla moda e al carbone attivo che indossiamo rappresentano un rischio maggiore di inalazione di microplastiche simili a fibre, mentre tutte le maschere generalmente riducono l’esposizione se utilizzate nel tempo presunto (<4 ore)”, afferma lo studio.

Chris Schaefer è uno specialista in respiratori ed esperto di formazione in loco con sede a Edmonton, Alta (Canada). Ha insegnato e condotto test di adattamento del respiratore per oltre 20 anni con la sua azienda, SafeCom Training Services Inc. I suoi clienti includono dipartimenti governativi, forze armate canadesi, servizi sanitari dell’Alberta, istituzioni educative e industria privata. Schaefer è un autore che pubblica con regolarità e un’autorità riconosciuta in materia di respiratori e maschere.

Il Western Standard ha chiesto a Schaefer se riteneva che le maschere chirurgiche del tipo utilizzato da milioni di canadesi e da persone in tutto il mondo presentassero un rischio significativo di inalazione di microplastica dalle maschere stesse. Ha iniziato chiarendo che la copertura del viso generalmente indicata come “maschera” non è, in effetti, affatto una maschera.

Schaefer si riferisce alle coperture per il viso COVID-19 come “barriere respiratorie”:

“Ciò che è stato imposto negli ospedali e attraverso il pubblico in generale attraverso l’intera agenda COVID-19, non sono le maschere. Non soddisfano la definizione legale [di una maschera] “, ha detto Shaefer. “Una [corretta] maschera ha aperture di respirazione progettate davanti alla bocca e al naso per garantire una respirazione facile e senza sforzo. Una barriera respiratoria è chiusa sia sulla bocca che sul naso. E così facendo, cattura l’anidride carbonica che espiri, ti costringe a inspirarla nuovamente, causando una riduzione dei livelli di ossigeno inalato e provoca un’eccessiva anidride carbonica. Quindi non sono sicuri da indossare”.

Guida alle maschere dei servizi sanitari dell'Alberta - lingua inglese -
Guida alle maschere dei servizi sanitari dell’Alberta – in lingua inglese –

Schaefer è stato enfatico quando gli è stato chiesto se credeva che le maschere chirurgiche in uso generale stessero perdendo microplastica per via inalatoria.

“Per quanto riguarda se potrebbe indurre qualcuno ad inalare le fibre di polipropilene utilizzate per realizzare questo e i polimeri sintetici che vengono utilizzati per filtrare questi dispositivi, assolutamente. Prendi un paio di forbici e aprine una. Puoi vedere che tra le due coperture principali che stanno incapsulando, queste fibre sciolte si stanno staccando. Si stanno staccando dalla copertina stessa, solo a causa della normale usura e dell’agitazione di indossarla e toglierla”, ha detto Schaefer.

“Il calore e l’umidità che cattura faranno sì che il degrado di quelle fibre si decompongono. Assolutamente, le persone stanno inalando particelle microplastiche. Ho scritto molto ampiamente sui rischi di queste barriere respiratorie negli ultimi due anni, ho parlato con scienziati e altre persone negli ultimi due anni. Se hai la sensazione di avere un po’ di pelo di gatto o qualsiasi tipo di irritazione nella parte posteriore della gola dopo averli indossati”, ha detto Schrieffer. “Ciò significa che stai inalando le fibre.”

Schaefer ha affermato che dovremo aspettare per vedere gli effetti a lungo termine dell’inalazione di microplastiche dalle maschere.

“Quindi sappiamo che le persone stanno inalando le fibre. Quali saranno i rischi, quali saranno gli effetti – potrebbe essere qualsiasi cosa – ma potrebbe sicuramente causare un’infiammazione polmonare e potrebbe causare un’infiammazione di tutto il corpo. Assolutamente “, ha detto Schaefer.

“Questo non è normale. Chiunque sarebbe normalmente esposto a qualsiasi tipo di polimeri sintetici o fibre di polipropilene [in un ambiente di lavoro] dovrebbe indossare una protezione respiratoria approvata. Queste barriere respiratorie non sono respiratori. Queste fibre si rompono tra 0,2 mm e quelle grandi sono cinque mm. Quindi sono totalmente inalabili, si rompono molto faccilmente e, beh, cosa farà alle persone sotto forma di funzionalità polmonare – così come sovraccarico di tossicità nel loro corpo – immagino che lo sapremo quando ci accorgeremo sicuramente dei primi effetti colaterali.

Sebbene quest’ultimo studio abbia valutato le capacità delle maschere di filtrare le microplastiche ambientali in ingresso, lo studio non ha valutato se le particelle siano state disperse dalla costruzione del tessuto della maschera stessa sul lato alternativo, particelle che sarebbero entrate nei polmoni di chi le indossa.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...