I microchip per il covid-19 arrivano “che ci piaccia o no”

Attenzione!! Può anche sembrare offensivo, però è giusto l’avvertimento: Una volta accettati, i microchip, non si torna indietro.

Nota dell’autore.

Il seguente articolo è stato tradotto dal sito Daily Expose 🇬🇧

Il direttore di DSruptive Subdermals, una società tecnologica con sede in Svezia, si è scagliato contro i critici che affermano che i nuovi microchip impiantabili della sua azienda sono “invasivi”.

Hannes Sjoblad ha affermato che i chip dell’azienda sono qui ora “che ci piaccia o no” è che le persone devono semplicemente accettarli.

Sjoblad ha detto: “Questa tecnologia esiste e viene utilizzata che ci piaccia o no. Sono felice che sia portato nella conversazione pubblica.

“Le nuove tecnologie devono essere ampiamente dibattute e comprese”, ha aggiunto. “Gli impianti intelligenti sono una potente tecnologia sanitaria. Questo è ciò che stiamo costruendo in DSruptive e il nostro obiettivo è trasformare l’assistenza sanitaria su scala globale”.

Il chip, che ha solo le dimensioni di un piccolo chicco di riso , può memorizzare non solo il passaporto del vaccino covid-19 di un individuo, ma anche informazioni mediche private e criptovaluta.

In una precedente intervista, Sjoblad ha spiegato: “Gli impianti sono una tecnologia molto versatile che può essere utilizzata per molte cose diverse. In questo momento, è molto comodo avere passaporti covid sempre accessibili sul tuo impianto”.

Annunci

Attualmente, l’impianto è progettato per essere impiantato appena sotto la pelle nel braccio o nella mano di una persona, tuttavia, può probabilmente essere inserito ovunque. Misura due millimetri per 16 mm.

“Guarda, sono pro-vaccino come chiunque altro… E sono pro-vaccino passaporto (solo su base volontaria), ma questo gioca solo nella narrativa di ‘vogliono rintracciarti’ teorici della cospirazione”, ha ammesso uno dei critici di Sjoblad su Twitter.

Vale la pena chiedersi quali altre informazioni possono contenere e tracciare questi chip oltre ai dati finanziari e medici. Quando ci pensi davvero, si tratta di quanto sia invasiva questa tecnologia e abbia il potenziale per essere: potrebbe portare il governo a tracciare direttamente i movimenti di un cittadino scheggiato (sta già avvenendo).

Sjoblad afferma che il design del chip consente informazioni “sempre accessibili” a “chiunque altro, davvero, voglia leggermi”.

“Ad esempio, se vado al cinema o in un centro commerciale, le persone potranno controllare il mio stato anche se non ho il telefono”, ha aggiunto nell’intervista.

Mentre Sjoblad insiste sul fatto che i microchip della sua azienda non sono dispositivi di localizzazione, ha ammesso che sono facilmente attivabili da dispositivi esterni semplici come uno smartphone.

“Non hanno una batteria”, dice a proposito dei chip. “Non possono trasmettere un segnale da soli. Quindi sono fondamentalmente passivi. Si siedono lì addormentati”.

Nota:

▪️Da diverso tempo, ormai, i Russi ( diciamo alcuni, che danno anche le prove che potete scaricare qui sotto) affermano che in certi soggetti impiantano anche dei microchip [RFID] sottocutanei durante la vaccinazione. Per come la vedo io, non credo che sarebbe un’opzione da scartare viste le diverse prove presentate.

Questo documento è una sintesi del chip RFID. Pertanto, il mio consiglio è di tenerlo al sicuro. Un giorno mi ringrazierete.

Fonte: https://dailyexpose.uk/

Sta già avvenendo. Non sono Fake-News.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...