Pfizer ammette al Parlamento europeo di non aver MAI testato se il vaccino Covid prevenisse la trasmissione o l’infezione: “Fatti vaccinare per gli altri” è sempre stata una bugia

Dopo che l’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha rifiutato di presentarsi davanti al Parlamento europeo per rispondere alle domande, Janine Small ha partecipato lunedì a un’audizione parlamentare al suo posto.  Il membro del Parlamento europeo (“MEP”) Rob Roos dai Paesi Bassi le ha posto una semplice domanda “sì” o “no”: il vaccino Pfizer Covid è stato testato per fermare la trasmissione del virus prima che entrasse nel mercato?

Janine Small ha risposto “No”.

Ciò ha rimosso l’intera base legale per il passaporto Covid, ha affermato l’eurodeputato Rob Roos. “Questo è scandaloso. Milioni di persone in tutto il mondo si sono sentite obbligate a vaccinarsi a causa del mito che ‘lo fai per gli altri'”.

“Fatti vaccinare per gli altri” è sempre stata una bugia, ha twittato ieri l’ eurodeputato Rob Roos .

L’eurodeputato Rob Roos su Twitter , 11 ottobre 2022

Questa grande ammissione è stata fatta durante il secondo dibattito della commissione speciale del Parlamento europeo sul Covid-19 (“COVI”) con i rappresentanti delle aziende farmaceutiche tenutosi lunedì 10 ottobre 2022. Hanno partecipato rappresentanti di cinque aziende farmaceutiche:

  • Janine Small, Presidente di International Developed Markets, Pfizer
  • Dr Franz-Werner Haas, amministratore delegato, CureVac
  • Stanley Erck, amministratore delegato, Novavax
  • Roger Connor, Presidente Global Vaccines, Glaxo Smith Kline
  • Carlos Montañés, vicepresidente esecutivo, HIPRA

Potete guardare il dibattito completo QUI .

Il primo dibattito si è svolto il 5 settembre 2022 con i rappresentanti di Gilead Sciences, Sanofi, AstraZeneca e Moderna.



Full Fact manipola i fatti per aiutare a diffondere la disinformazione

Full Fact è stata nominata come una delle due fonti, dal governo del Regno Unito, che stavano “correggendo le informazioni false”. L’altra “fonte ufficiale”, ha affermato il governo del Regno Unito, era se stesso. Full Fact è finanziato principalmente dalle famigerate organizzazioni di censura online: Facebook e Google. Nel 2021 quasi il 40% delle “donazioni” di Full Fact proveniva da Facebook e Google. 

Wikipedia afferma che Full Fact “verifica e corregge i fatti”. E che è stato “sponsorizzato per lo sviluppo di strumenti automatizzati di verifica dei fatti da: Fondatore di eBay Pierre Omidyar – Omidyar Network – e George Soros – Open Society Foundations -“.

Nel febbraio 2021, nel tentativo di sfatare un post di Facebook in cui si affermava che il vaccino Covid “non ti impedisce di prendere [Covid-19] o diffonderlo”, Full Fact lo ha confermato curiosamente mentre allo stesso tempo ha capito che non era vero:

Il post di Facebook è accompagnato da uno screenshot del sito web del governo che dice: “Non sappiamo ancora se [farsi vaccinare] ti impedirà di contrarre e trasmettere il virus”.

Questo si riferisce al fatto che non è ancora chiaro se essere vaccinati possa impedire di essere contagiati dal virus Covid-19, e poi trasmetterlo.

Tuttavia, alcuni dati dal lancio iniziale del vaccino Pfizer nel Regno Unito mostrano che una dose riduce il rischio di infezione di oltre il 70%, salendo all’85% dopo la seconda dose. Questi dati hanno esaminato i risultati dei test somministrati agli operatori sanitari ogni due settimane, indipendentemente dal fatto che presentino o meno sintomi.

Questi risultati mostrano che il vaccino potrebbe essere in grado di interrompere la trasmissione, poiché non puoi trasmettere il virus se non ne sei infetto.

Ci sono prove che i vaccini riducono il rischio di malattia da Covid-19 , Full Fact, 26 febbraio 2021

La pagina del sito web del governo a cui si fa riferimento – Public Health England (ora UK Health Security Agency) ‘ Covid-19 Vaccination Guide ‘ – non contiene più l’affermazione “non lo sappiamo ancora…” La pagina del sito web è stata aggiornata più volte da allora. Tuttavia, una copia archiviata su Wayback Machine il 24 marzo 2021 mostra la sezione con questa dicitura. Entro l’8 aprile 2021, questa sezione era stata rimossa.

Public Health England: Vaccinazione Covid-19: guida per gli anziani, aggiornata 1 marzo 2021
archiviata su Wayback Machine il 24 marzo 2021)

Nonostante la guida alla vaccinazione Covid-19 di Public Health England affermasse il contrario, Full Fact ha affermato il 25 marzo che le “prove” suggerivano che i vaccini bloccassero la diffusione del virus SARS-CoV-2 che causa Covid-19:

L’ evidenza suggerisce che una dose dei vaccini AstraZeneca o Pfizer riduce significativamente le possibilità di trasmettere il virus ai membri della tua famiglia, se lo prendi.

La ricerca iniziale , che copre oltre un milione di contatti nel Regno Unito, ha scoperto che le persone che sono state infettate tre settimane dopo la prima vaccinazione avevano tra il 38% e il 49% in meno di probabilità di trasmettere il virus ai contatti domestici. Questa protezione è apparsa da circa due settimane dopo la vaccinazione ed era indipendentemente dall’età.

Vaccino Covid impreciso ‘Q&A’: fact checking , Full Fact, 25 marzo 2021

Nel novembre 2021, Full Fact ha “verificato i fatti” di Neil Oliver di GB News che ha suggerito che il governo sapeva che i vaccini Covid non riducevano il rischio di trasmissione o infezione dal virus affermando quanto segue:

Ci sono [ ] prove che i vaccini possono ridurre la trasmissione. In una revisione delle prove sulla ” Protezione indiretta che riduce la trasmissione ” pubblicata a maggio per conto della Infectious Diseases Society of America, i ricercatori hanno trovato “prove convincenti che la vaccinazione SARS-CoV-2 si traduce in una sostanziale riduzione del rischio di trasmissione, sebbene l’esatta l’entità della riduzione complessiva della trasmissione deve ancora essere completamente definita”.

… i dati suggeriscono che la vaccinazione potrebbe non ridurre enormemente il rischio di trasmettere la variante Delta all’interno delle famiglie. Uno studio pubblicato su The Lancet Infectious Diseases in ottobre, che ha misurato la probabilità di contrarre la variante Delta da qualcun altro nella tua famiglia, ha rilevato che un individuo completamente vaccinato ha una probabilità del 25% di contrarre il virus da un membro della famiglia infetto, mentre un individuo non vaccinato ha una probabilità del 38%.

Lo studio ha affermato che, sebbene la vaccinazione riduca il rischio di infezione contro la variante Delta, gli individui completamente vaccinati che vengono infettati “possono trasmettere efficacemente l’infezione in ambienti domestici, compresi i contatti completamente vaccinati”.

Il nostro verdetto: sebbene non riducano completamente il rischio, numerosi studi hanno dimostrato che i vaccini hanno un impatto significativo sulle possibilità di contrarre o trasmettere il virus una volta che sei stato vaccinato.

I vaccini contro il Covid-19 offrono una certa protezione contro la trasmissione e l’infezione , Full Fact, 1 novembre 2021

Full Fact ha riaffermato la sua falsa affermazione nel dicembre 2021 affermando che il romanziere “Lionel Shriver ha torto nel dire che i vaccini Covid-19 non possono fermare la diffusione del virus” in un articolo su The Spectator :

Ha torto [ ] nel dire che i vaccini “non possono impedire la diffusione del Covid” e che i vaccini “non ti impediranno di ammalarti o addirittura di far ammalare altre persone”. Essere vaccinati non garantisce che qualcuno non prenderà il Covid, ma nel complesso impedisce in primo luogo il verificarsi di molte infezioni da Covid, e quindi riduce anche il numero di infezioni successive in altre persone.

Il nostro verdetto: questa affermazione si basa su stime molto inaffidabili del tasso di casi tra le persone non vaccinate. Potrebbe essere vero il contrario.

Lionel Shriver ha torto nel dire che i vaccini Covid-19 non possono fermare la diffusione del virus , Full Fact, 8 dicembre 2021

La capacità dei “fattori di verifica” di distorcere i fatti non smette mai di stupire. Non c’è dubbio che uno dei maggiori disinformatori siano i cosiddetti “fattori di verifica”. 

Per concludere:

 Quasi ridicolmente, nel gennaio 2022, Full Fact è stato uno degli 80 “fattori di verifica” che hanno invitato YouTube a intraprendere un’azione efficace contro la disinformazione. “Finora alle società di Internet è stato permesso di segnare i propri compiti”, hanno affermato. A parte il fatto che Full Fact è tutt’altro che pieno di fatti, abbiamo un “ente di beneficenza” sponsorizzato da Google che scrive a un’azienda di proprietà di Google accusandoli di segnare i propri compiti. Perché Google non ha semplicemente scritto la lettera a YouTube? Qualcun altro ha la sensazione che le donazioni a Full Fact non siano soldi ben spesi?

Fonte: https://expose-news.com/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...